MotoGP, Jorge Lorenzo: “Ad Assen Valentino Rossi sarà molto veloce”

Jorge Lorenzo e Valentino Rossi
Jorge Lorenzo e Valentino Rossi (getty images)

Si avvicina l’ottava tappa del Mondiale 2015 della MotoGP sul circuito di Assen e la sfida tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo entra nel vivo. I due piloti della Movistar Yamaha sono distanti appena un punto in classifica e stanno per dare inizio ad una delle battaglie sportive più avvincenti della storia del Motomondiale, con il pesarese fortemente motivato a conquistare il suo decimo titolo iridato, soprattutto ora che le Honda e le Ducati ufficiali sono lontane in classifica.

Ma l’ostacolo più grande è rappresentato dal suo compagno di squadra che in occasione della presentazione di uno sponsor personale a Barcellona ha tenuto una conferenza stampa, dove ha riassunto gli aspetti basilari di questo campionato che sta per giungere al giro di boa. A cominciare dal momento di crisi di Marc Marquez…

 

La grande sfida tra piloti Yamaha

“A Marc sta succedendo qualcosa di simile a quello che è successo a me l’anno scorso. Quando inizia male e nel secondo, terzo, quarto round le cose non stanno andando meglio, si entra in una dinamica negativa cui è difficile sfuggire – ha spiegato il maiorchino come riportato da Motocuatro.com -. Soprattutto se non stai bene con la moto. Marc ha avuto tre cadute… Ma ci sono ancora molte gare, non abbiamo ancora raggiunto la metà del campionato, e nello stesso modo in cui si è fatto male in questa prima parte, può andare storto per noi nella seconda metà della stagione”.

Jorge Lorenzo giunge in Olanda consapevole di poter essere il nuovo leader del Mondiale qualora dovesse tagliare il traguardo davanti a Valentino Rossi: “Essere primo è il risultato di un buon lavoro, significa essere veloci, avere un buon set up della moto, sentirsi bene e allenarsi bene. Se ciò accade abbiamo la possibilità di essere i leader mondiali. Ma non corriamo da soli, Valentino è molto forte e sicuramente i piloti Honda saranno sempre più forti”.

E il campione di Tavullia saprà trovare la carta vincente per ritornare alla vittoria… “La verità è che, come abbiamo visto al Montmeló, Valentino darà tutto per conquistare il suo decimo titolo e come si è visto fino ad ora è sempre salito sul podio. Non è stato il mio caso, dato che fino a Jerez non ci sono riuscito. Egli sarà sempre lì e potrà sicuramente migliorare in futuro. Ma Rossi è un pilota della domenica e in gara è sempre lì. Non sbaglia, non commette errori ed è sempre molto regolare. Assen penso che sia una buona pista per la Yamaha, ha già vinto lì nel 2013 e sicuramente sarà molto veloce nei Paesi Bassi “.