MotoGP, Jorge Lorenzo: “Per battere la Honda sarei disposto ad aiutare Valentino”

Marc Marquez, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi
Marc Marquez, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi (getty images)

Manca meno di una settimana al via del GP di Assen, ottavo round del Motomondiale 2015. La classifica vede ancora Valentino Rossi in testa, con un punto di vantaggio sul compagno di squadra Jorge Lorenzo, vincitore delle ultime quattro gare. Il pilota maiorchino sembra in splendida forma sia sul passo gara che sul giro secco e secondo i bookmakers è il favorito per la vittoria del titolo mondiale.

Ma al traguardo finale mancano ancora tredici Gran Premi e tutto può ancora succedere, come sottolineato dal rider Yamaha in un’intervista radiofonica al programma ‘El Larguero’: “Quando le cose vanno bene, diventa tutto migliore automaticamente. Probabilmente la proporzione moto-pilota è al 50%, non come nelle macchine. Il dominio Yamaha è diverso da quello della Mercedes in F1. Le nostre vittorie non sono facili, non facciamo le pole facilmente e le vittorie richiedono tanto lavoro”.

Qualora Jorge non dovesse riuscire a vincere il titolo mondiale preferirebbe che lo vincesse Valentino Rossi: “Sono spagnolo come Marquez però io devo guardare la mia squadra, che è la Yamaha. Se io non ho più possibilità di vincere e devo aiutare Valentino a battere le Honda, lo farò – ha confessato il maiorchino -. L’arrivo di Marquez in Motogp ci ha fatto salire di livello, ci ha obbligati a migliorare e ad andare più veloce per vincere le gare”.

Nonostante abbia conquistato quattro titoli iridati in carriera Lorenzo ammette di non avere lo stesso calore dei tifosi di altri suoi avversari, come ad esempio Marc Marquez o Dani Pedrosa… “Forse è per il carattere, la mia personalità è forte ed è difficile che possa piacere a tutti. Inoltre, Marc e Dani hanno uno sponsor che investe molto nella pubblicità, nei media e anche questo conta”.