MotoGP Yamaha, Lin Jarvis: “Nel 2016 ancora con Forward”

Lin Jarvis (Getty Images)
Lin Jarvis (Getty Images)

 

Nel 2014 il team Forward si è aggiunto alle due squadre con cui Yamaha è impagnata nella MotoGP, Movistar e Tech3. Il progetto ha dato buoni frutti (lo scorso anno Aleix Espargaró si è affermato come leader della categoria Open) e molto probabilmente continuerà anche nel 2016. A sostenerlo è Lin Jarvis, Managing Director di Yamaha Motor Racing.

“Il nostro obiettivo più importante è vincere il Campionato del Mondo MotoGP. Quattro macchine per questo progetto sono la combinazione perfetta”, spiega Lin Jarvis in un’intervista esclusiva con SPEEDWEEK.com. Ma il progetto del team Forwad ormai cammina sulle sue gambe e “possiamo portarlo avanti, con sei moto in futuro”. Dunque anche nel 2016, lascia intendere Jarvis, la Yamaha continuerà a fornire al team Forward le M1. “Abbiamo messo in piedi un buon sistema – sottolinea il manager inglese – , siamo in grado di gestirlo con il supporto degli ingegneri. Al momento non ci sono problemi”. Tutto questo ovviamente “a condizione che apporti un valore per la Yamaha e per il team. Questo è importante”.

 

Da quattro a sei moto

Alla luce dei nuovi cambiamenti nel regolamento, secondo Lin Jarvis sarebbe “fondamentalmente giusto” utilizzare sei moto nel Campionato del Mondo MotoGP. “Siamo già in trattative con Forward Racing per la prossima stagione – spiega – . Abbiamo avuto alcuni incontri anche nei giorni scorsi a Barcellona. Nel prossimo futuro dovrem decidere insieme come sviluppare in programma e verso quale direzione andare”.