Mole 001, al Salone di Torino una nuova supercar artigianale con motore Ferrari

Mole 001
photo by Andrea Primoceri

Il connubio “Supercar” e “made in Italy” è stato sempre prerogativa dei migliori carrozzieri italiani, e con questa filosofia alcuni Centri Stile italiani stanno creando il futuro dell’auto dando uno sguardo al passato.

E’ quello che succede a Torino al Parco Valentino, dove si è svolta una mostra di Supercar per omaggiare la capitale del design automobilistico italiano, dove sono state presentate in anteprima alcune nuove Supercar.

Una di queste è stata presentata dalle “Officine Umberto Palermo”, nata poco meno di un anno fa, portando alla mostra la “Mole Costruzione Artigianale 001″, una vettura granturismo sportiva realizzata proprio dal designer di origini siciliane Umberto Palermo.

Da quanto dichiarato dallo stesso ‘Palermo’, e riportato dall’Ansa’,”La Mole è un omaggio a Torino e alla tradizione della città nell’arte automobilistica”, sottolineando che non è solo un esercizio di stile ma farà parte di una piccola produzione che sarà realizzata a Rivoli, nelle Officine Palermo.

Di fatto la “Mole 001” sarà impiegata per lo sviluppo del prodotto, seguiranno la 002, che è già stata acquistata da Santo Versace,  e si proseguirà con la realizzazione di pochi altri esemplari numerati (forse fino alla 009).

Palermo spiega che l’obiettivo è di realizzare delle fuoriserie partendo da prestigiosi modelli italiani, oramai fuori produzione; in effetti nella “Mole 001” è trapiantato un motore V8 Ferrari “rigenerato” e aggiornato per essere ecocompatibile, perché attingendo nel mondo dell’usato di lusso si ha la possibilità di mantenere intorno ai 200 mila euro il prezzo di un’auto realizzata su misura e in modo artigianale, che se progettata da zero potrebbe costare anche milioni di euro.

La “Mole 001” è lunga 4,73 metri, è larga 2,1 metri e alta 1,22 metri, la linea è da coupé di lusso, con pannelli ancorati al telaio tramite fissaggi a brugola, i riflessi e le linee laterali riportano alle sportive del passato, con stilemi classici in voga negli anni ‘60 e ‘70 rivisitati in chiave moderna.

La “Mole 001” nasce su un telaio tubolare in acciaio, con uno schema a quadrilateri trasversali sia per le sospensioni anteriori sia per quelle posteriori, e per il resto del progetto si avvale di fornitori italiani leader nel mondo, montando freni “Brembo”, pneumatici “Pirelli” Pzero Nero da 265/30 R22 all’anteriore e 295/25 R22 al posteriore su cerchi in lega “Fondmetal” e accessori “Sabelt” per gli interni.