Max Biaggi: “Ritorno in SBK solo per divertimento”

Max Biaggi
Max Biaggi (getty images)

Dopo circa tre anni dal suo addio al mondo delle corse Max Biaggi ha ufficialmente annunciato che ritornerà in pista per il GP di Misano e quello di Sepang in sella alla RSV4 RF dell’Aprilia Racing Team – Red Devils. Nei giorni scorsi la notizia è rimbalzata anche in Catalunya, dove si tiene la settimana tappa del Motomondiale, e persino Valentino Rossi ha confessato che sarà a Misano per assistere all’evento e tifare per lui.

In un’intervista al sito ufficiale WorldSBK.com Max Biaggi ha parlato di passato, presente e futuro: “Mi sento come se fosse passata un’eternità! Ovviamente non ho mai perso di vista le moto, le ho sempre seguite ed in qualche modo mi sento sempre aggiornato, ovviamente non da pilota. Adesso che ho preso questa decisione di correre, ma solo per divertirmi e per il piacere di farlo, mi preparo a tutti quelli che potranno essere gli avvenimenti del fine settimana e cercherò di farmi trovare al meglio”.

In questi due appuntamenti il pilota romano adotterà un approccio istintivo, “si baserà sui miei ricordi e sensazioni del passato, visto che è da diverso tempo che manco da una gara. Poi sicuramente ci sarà lo scontro con la realtà, i secondi che vanno via veloci e gli avversari che, correndo ogni due settimane, sono sempre alla ricerca del limite. Questa è una prospettiva che non vedo da diversi anni, ma non sono spaventato. So benissimo che loro andranno fortissimo ed è per questo che non mi pongo aspettative prima di iniziare”.

D’altronde Max Biaggi in quest’ultimo periodo non ha avuto modi di allenarsi assiduamente pur avendo fatto qualche test per la casa di Noale: “Ho già provato a Misano quest’anno, ma solo in quanto collaudatore di alcune componenti e soluzioni, quindi non con il pacchetto che attualmente utilizzano Haslam e Torres… Poi ovvio, quando Aprilia mi chiede di provare delle nuove componenti o soluzioni, non è che devo spingere al 100%. Quando si fanno dei test l’obiettivo è quello di capire se la componente o la soluzione funzionano bene, non di cercare la velocità”.

Marc Marquez, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi si sono detti felici per la sua decisione e sono pronti a tifare per lui… “Tutti e tre sono stati molto gentili ma questo non fa altro che mettermi della pressione (ride). Per fortuna, come ho detto, faccio questo ritorno con l’obiettivo di divertirmi il più possibile e quindi gran parte della pressione scivola via automaticamente. So benissimo che c’è un gruppo di piloti che è intoccabile, inavvicinabile, detto questo si vedrà. Il mio riferimento sarà Bayliss – ha concluso il Corsaro -: Troy ha fatto due gare, in Tailandia è andato meglio ovviamente. Ovvio che i primi facevano un altro sport”.