Formula1, Felipe Massa: “Possiamo raggiungere la Ferrari”

Felipe Massa
Felipe Massa (getty images)

Il team Williams Martini Racing anche nell’ultimo Gran Premio del Canada ha dimostrato di essere la terza forza del Mondiale: Valtteri Bottas è salito sul podio, anche grazie ad un ‘errore’ di Kimi Raikkonen, mentre Felipe Massa si è dovuto accontentare della sesta posizione, alle spalle delle Mercedes, delle Ferrari e del suo compagno di squadra.

Ma la monoposto del team britannico ha le qualità per dare filo da torcere alla Rossa di Maranello e d’altronde la classifica piloti parla chiaro: dopo le Frecce d’Argento di Lewis Hamilton e Nico Rosberg e le Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen, ci sono Valtteri Bottas a quota 57 e Felipe Massa a 47 punti.

Il pilota brasiliano è fiducioso che la Williams possa essere una spina nel fianco della Ferrari e persino superarla, soprattutto dopo aver visto che l’aggiornamento del motore V6 di Maranello visto a Montreal non è un grande passo avanti. Anche se ad onor di cronaca bisogna evidenziare che il testacoda di Kimi e i problemi di Vettel non abbiano mostrato del tutto il potenziale della terza power unit.

 

“Considerando che avevano questo aggiornamento sul motore e la differenza è ancora simile, penso che dimostra che si può ancora lottare con Ferrari”, ha dichiarato Felipe Massa in un’intervista riportata da Crash.net. “Dovremmo avere un aggiornamento sulla vettura nella prossima gara e spero che saremo in grado di avvicinare la Ferrari ancora di più. Non so quando Mercedes farà alcuni aggiornamenti sul motore ma, quando daranno alcuni aggiornamenti, forse potremmo anche diventare più forti”.

Nel prossimo Gran Premio d’Austria la Williams potrà fare un passo avanti e quindi le monoposto del Cavallino Rampante dovranno ben guardarsi anche alle spalle: “Dovremmo avere alcuni aggiornamenti sulla vettura che spero contribuiranno a migliorare, quindi abbiamo bisogno di aspettare e vedere. Penso che sarà forse il più grande aggiornamento che abbiamo durante la stagione”, ha concluso l’ex pilota della Scuderia Ferrari.