F1 GP Canada, Sebastian Vettel: “Sono contento”. Kimi Raikkonen: “Devo migliorare”

Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen (Getty Images)
Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen (Getty Images)

Ferrari giù dal podio per la prima volta in questo campionato 2015 di Formula1. Nel GP Canada Kimi Raikkonen e Sebastian Vettel sono arrivati rispettivamente quarto e quinto. Dietro alle imprendibili Mercedes di Lewis Hamilton e Nico Rosberg si è posizionata la Williams di Valtteri Bottas.

La scuderia di Maranello ha perso il terzo posto per colpa del proprio pilota finlandese, finito malamente in testacoda e superato dal connazionale senza poi la possibilità di riprenderlo dato che ha dovuto anche fare un pit-stop in più. Un errore che ha irritato il team. Kimi Raikkonen ha così commentato la sua gara ai microfoni dei giornalisti al termine della giornata.

“Forse avrei fatto podio. E’ successo qualcosa di strano in quella curva e non sono riuscito a controllare l’anteriore come l’anno scorso. Un episodio sfortunato che mi ha rovinato la gara e non ho ottenuto ciò che voleva il team. Non ho avuto problemi a gestire le gomme, è andata come ci aspettavamo. In questo circuito bisogna risparmiare molto in carburante e ciò ha limitato la nostra velocità. Se pensavo di essere più vicino alle Mercedes con la nuova power unit? Siamo andati più o meno che ci aspettavamo, ma questo tracciato probabilmente li favorisce. Abbiamo del lavoro da fare per migliorare. Non era il risultato che ci aspettavamo, ma dobbiamo continuare a lavorare.

 

Sebastian Vettel contento, ma in Austria vuole migliorare

Sebastian Vettel era partito molto indietro e non può che essere contento della sua straordinaria rimonta, ma sicuramente ha il rammarico per il problema avuto alla centralina nella FP1 in qualifica che lo ha costretto a fare una gara diversa invece di poter lottare per il podio. Il passo gara del tedesco era ottimo, migliore di quello del compagno e anche di quello di Valtteri Bottas. Il quattro volte campione del mondo ha commentato in questa maniera la sua gara: “Ormai è inutile avere rimpianti per quello che è successo ieri. C’è stato un problema, ma siamo riusciti a sistemarlo prima della gara. Domani dovremo cercare di capire cosa sia successo esattamente per evitare che si possa riproporre una situazione di questo genere”.

Successivamente il pilota della Ferrari ha aggiunto: “Non saprei dire se il gap dalla Mercedes è aumentato o diminuito, perché ero troppo lontano da loro oggi. Dipende molto dalle piste. Alla fine però avevo davvero un buon ritmo e mi sono trovato a mio agio con la monoposto. Mi sembrava di essere piuttosto veloce, ma avevo troppe macchine da superare e quindi non so dove fossero le Mercedes o se potessero andare più forte. La cosa più importante è che abbiamo fatto una bella rimonta e sono contento del risultato”.

Il gran premio canadese era speciale per Sergio Marchionne e a Sebastian Vettel spiace non avergli regalato un risultato migliore, ma è molto determinato per il futuro: “Ovviamente mi dispiace per il presidente, che era venuto a vedere il GP. Io sapevo che dovevo recuperare, mentre Kimi doveva puntare al podio e non so cosa gli sia capitato di preciso, ma ho sentito che si è girato in testacoda come l’anno scorso ed è un peccato se questo gli è costato il podio, perché come squadra abbiamo il passo per puntarci. Non vediamo l’ora che arrivi l’Austria per reagire”.