Patente di guida a punti: saldo punti, decurtazione punteggio e altre informazioni utili

foto dal web
foto dal web

In Italia la patente a punti è entrata in vigore dal 1° luglio 2003: ad ogni automobilista viene assegnato inizialmente un punteggio di 20 punti che viene ridotto in caso di infrazioni delle norme del Codice della Strada. La perdita di tutti i punti causa la revoca automatica della patente e ciò comporta la ripetizione dell’esame teorico e pratico.

Invece gli automobilisti più disciplinati che non commettono violazioni hanno diritto, dopo due anni, a due punti di bonus fino ad un massimo di 30 punti.

Per verificare il proprio saldo punti basta collegarsi al portale dell’automobilista: servirà iscriversi al sito seguendo le istruzioni in home page. Oppure si può chiamare da telefono fisso al numero 848782782, al costo di una chiamata urbana secondo le tariffe del proprio gestore telefonico. Il punteggio perso può essere recuperato frequentando anche dei corsi specifici, con obbligo di esame finale, presso le autoscuole o presso altri soggetti autorizzati dal Ministero dei Trasporti.

Sul sito Poliziadistato.it si possono avere tutte le informazioni sulla patente a punti, tra queste anche la tabella delle penalità. Si precisa che “alla perdita totale del punteggio non consegue la sospensione immediata della patente di guida ma la sua revisione. La revisione della patente deve essere effettuata entro 30 giorni dal momento in cui perviene la comunicazione che la dispone. Durante questo periodo il conducente può continuare a circolare”.

 

Decurtazione del punteggio e violazioni più comuni

-1 punto 

Non far uso dei dispositivi di illuminazione o segnalazione visiva quando è prescritto.

Uso improprio dei fari.

Non avere ampia libertà di movimento nelle manovre, trasportare persone in soprannumero e trasporto irregolare di persone, animale e oggetti.

 

-2 punti 

Mancato rispetto della segnaletica, ad eccezione dei segnali di divieto di sosta e di fermata.

Sosta nelle corsie riservate al transito degli autobus o veicoli su rotaia; sosta o fermata negli spazi riservati a veicoli per persone invalide o in corrispondenza di rampe, scivoli o corridoi di transito; sosta negli spazi riservati alla fermata degli autobus o dei taxi.

Trainare veicoli in avaria senza adeguata segnalazione o violando le altre prescrizioni.

Trasportare persone in sovrannumero sulle autovetture.

 

-3 punti 

Superare i limiti di velocità di oltre 10 km/h e di non oltre i 40 km/h.

Far uso dei fari abbaglianti in condizioni vietate.

 

-4 punti 

Circolare contromano (non in curva).

Omettere di occupare la corsia più libera a destra, sulle strade con carreggiata a due o più corsie.

Violazione dell’obbligo di consentire al pedone attraversamento di una strada sprovvista di strisce pedonali.

 

-5 punti

Mancato rispetto delle regole di sorpasso.

Non osservare le distanze di sicurezza con conseguente collisione e gravi danni ai veicoli.

Mancato allacciamento delle cinture del conducente e/o del trasportato minorenne o mancato uso dei seggiolini per bambini

 

-6 punti

Mancata osservanza dello stop.

Passaggio con semaforo rosso o agente del traffico.

Superare i limiti di velocità di oltre 40 km/h, ma non di oltre 60 km/h

 

-8 punti

Fare inversione di marcia in prossimità o in corrispondenza degli incroci, delle curve o dei dossi.

Violare l’obbligo di precedenza ai pedoni.

 

-10 punti

Circolare contromano nelle curve, sui dossi o in condizioni di limitata visibilità o su strada divisa in carreggiate separate.

Sorpasso effettuato in situazioni gravi e pericolose (curve, dossi, incroci etc..).

Fare inversione di marcia in autostrada o sulle strade extraurbane principali o procedervi in contromano.

Effettuare retromarcia in autostrada.

Guidare in stato di ebbrezza.

Guida in condizioni di alterazione fisica e psichica correlata a sostanze stupefacenti.