Vicenza: muore una bimba di 17 mesi “dimenticata” nell’auto sotto il sole

(Getty Images)
(Getty Images)

 

E’ morta a soli 17 mesi per essere stata lasciata troppo tempo nell’auto sotto il sole. La piccola si chiamava Gioia ed era una dei sei figli di una coppia di ivoriani con cittadinanza italiana da 24 anni. I genitori – convinti che l’avrebbero accudita i fratelli maggiori –  l’hanno “dimenticata” in un parcheggio a Vicenza. Purtroppo, nel giro di tre ore si è consumata la tragedia. Subito è stata aperta un’inchiesta per omicidio colposo. L’ipotesi più plausibile è che la bimba abbia perso la vita per un colpo di calore o per asfissia, ma sarà l’autopsia, come riferisce il Giornale di Vicenza, a stabilire le cause del decesso.

Secondo una prima ricostruzione della polizia, padre e madre, insieme alla bimba e ad altri due figli, erano usciti in auto per andare a messa. Tornati a casa, hanno parcheggiato la vettura nel parcheggio vicino alla propria abitazione ma – forse distratti da un vicino con cui si sono messi a parlare – non si sono accorti che, mentre gli altri due figli erano scesi dall’auto, la terza era rimasta sul seggiolino. Solo alcune ore dopo si sono resi conto che Gioia non era in casa. A quel punto si sono precipitati nel parcheggio e hanno lanciato l’allarme lanciato al 118, ma era troppo tardi: per la piccola non c’è stato nulla da fare.

 

L’ennesima tragedia

Purtroppo non è la prima volta che la cronaca registra casi morte di neonati “dimenticati” in auto: nel giugno del 2013 suscitò emozione la storia del piccolo Luca, 2 anni, lasciato in auto dal padre a Piacenza, mentre nel maggio del 2011 Jacopo, un bambino di 11 mesi, è morto a Passignano sul Trasimeno (Pg) in circostanze analoghe. E ancora: a maggio del 2011 a Teramo Elena, di 22 mesi, è deceduta dopo essere stata lasciata 6 ore nella vettura dal papà, un docente universitario, e nel maggio del 2008 è successa la stessa cosa a una bambina di quasi due anni, scordata in macchina dalla mamma a Merate, in provincia di Lecco.

La causa principale di tali “dimenticanze” è uno stato di forte stress che porta la memoria a essere sovrastata da una serie di altri fattori, finché non arriva qualche segnale a “riavviare” il sistema. Spesso, però, a quel punto è già troppo tardi…