MotoGP: Marco Melandri e Aprilia ai ferri corti, c’è aria di addio

Marco Melandri (Getty Images)
Marco Melandri (Getty Images)

 

Marco Melandri verso l’addio all’avventura in MotoGP con il team Aprilia. Il rumour circola sempre più insistente dopo il round del Mugello, che ieri ha visto il ravennate chiudere in ultima posizione il secondo Gran Premio di fila, con un distacco cronometrico sempre più ampio dal suo compagno di squadra Alvaro Bautista, oggi impegnato in solitaria sul circuito toscano con i test delle gomme Michelin in vista della prossima stagione in sella alla RS-GP.

 

La soluzione all’impasse

La seconda avventura nella classe regina dopo la lunga militanza in SBK è stata più difficile del previsto, e per Marco Melandri sembra ormai difficile sottrarsi alla parabola discendente…

Di qui la necessità, da parte del team Aprilia, di trovare una soluzione per uscire dall’impasse e salvare il salvabile. “Sappiamo qual è la situazione e nei prossimi giorni parleremo a quattr’occhi con Marco. Cercheremo di capire se c’è qualche spiraglio e ascolteremo la sua opinione”, spiegano a GPOne.com Romano Albesiano, responsabile racing di Noale, e Fausto Gresini, proprietario del team. Come dire: non è detto che l’avventura nella premier class debba per forza andare avanti.

Va da sé che tra gli addetti ai lavori già si vocifera di un possibile ritorno alle derivate di serie. Ipotesi al momento smentita dallo stesso Albesiano, che dichiara: “Per ora non ci siamo posti neppure il problema, ma vedo un’infinità di problemi per un suo ritorno in SBK. Detto questo, Melandri è in una situazione difficile, in Argentina e Jerez ci aveva dato l’impressione di stare migliorando, ma le ultime due gare sono andate diversamente”. “Il fine settimana del Mugello – ha aggiunto il manager – lo valuto positivamente da un punto di vista tecnico, per esempio il cambio seamless è andato molto bene, però le prestazioni di Marco ci hanno sorpreso”. E in senso negativo.

Tra le opzioni sul tavolo c’è anche quella di uno “stop” per qualche GP, o di una diretta sostituzione di Melandri. Tra i “papabili” ci sarebbero Alex De Angelis, che corre attualmente con la vecchia ART del team Iodaracing e vanta una solida esperienza nella categoria, e Mattia Pasini, che con la wild card in Moto2 (team Gresini) di domenica ha dimostrato di essere più motivato che mai. Certo è che, come fa notare lo stesso Gresini, “serve un pilota che abba esperienza in MotoGP, non scommettere su un giovane”.

La scelta definitiva da parte del team Aprilia è attesa nei prossimi giorni.