MotoGP: al Mugello i test sulle gomme Michelin

(Getty Images)
(Getty Images)

All’indomani del GP d’Italia, il circuito del Mugello fa da sfondo ai test Michelin: dopo il primo “assaggio” delle sue gomme a Sepang, i piloti ufficiali della classe regina mettono nuovamente alla prova le coperture francesi, concentrandosi soprattutto sul sempre problematico pneumatico anteriore.

 

Tutti al lavoro

Da Clermont Ferrand il costruttore – che dal prossimo anno subentrerà a Bridgestone come fornitore unico di pneumatici MotoGP – ha fatto recapitare quattro gomme anteriori diverse per conformazione, ma con lo stesso profilo deliberato in occasione dei test in Malesia, e tre distinte soluzioni per il posteriore.

“La copertura davanti è sempre la più critica, l’obiettivo è di capire quale sia la migliore per poi fare una simulazione di gara a fine giornata – ha spiegato Piero Taramasso, responsabile della Michelin, a GPOne.com – Quella posteriore è invece già più definita”.

I primi a scendere in pista, a metà mattinata, sono stati i due piloti Honda Marc Marquez e Dani Pedrosa (che hanno condotto alcuni test anche sull’elettronica). “E’ il momento di mettersi al lavoro insieme e non pensare in negativo. Bisogna essere positivi”, ha spiegato un membro del team ai colleghi di Motocuatro.com, alludendo alla delusione per il risultato del team Honda nella gara di ieri.

A seguire Alvaro Bautista sull’Aprilia, mentre Marco Melandri non è presente in circuito.

Sono appena scesi in pista, invece, Valentino Rossi e Jorge Lorenzo per Yamaha e Andrea Dovizioso per Ducati, che sarà affiancato da Michele Pirro, dal momento che Andrea Iannone ha preferito concedersi una giornata di riposo a causa dei problemi alla spalla.

I test si concluderanno alle 18 ma, trattandosi di una sessione di prove “privata”, i risultati non verranno resi noti in via ufficiale. I piloti potranno nuovamente testare le Michelin a metà agosto in occasione del GP di Brno.