MotoGP, Jorge Lorenzo: “Valentino è un esempio per chiunque voglia essere competitivo”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (getty images)

Valentino Rossi e Jorge Lorenzo sono in vetta alla classifica della MotoGP e al Mugello la sfida tra compagni di squadra potrebbe ripetersi ed essere il tormentone di questa stagione. Del resto il circuito toscano ben si addice al pilota maiorchino che nelle ultime sei edizioni ha ottenuto tre vittorie e tre podi, anche se dovrà fare i conti con le Ducati ufficiali e con Marc Marquez assetato di vittorie pur se in difficoltà con la sua Honda.

Jorge Lorenzo è approdato in Italia dopo due vittorie consecutive a Jerez e Le Mans, confermando di aver superato il momento di ‘crisi’ iniziale. “Da qualche settimana ho ripreso a sentirmi a mio agio al volante della moto e i risultati si sono subito visti – ha affermato in un’intervista a ‘La Gazzetta dello Sport’ -. Il livello attuale della MotoGP è spaventosamente alto, se per qualche motivo non ti trovi ad essere al 100% è impossibile che tu vinca. Ma ora posso dire di aver ritrovato fiducia. Valentino? Restare competitivi per il titolo dopo 20 anni passati al vertice della Moto è qualcosa di clamoroso, è un esempio per chiunque voglia provare a diventare competitivo”.

Valentino Rossi comanda la classifica a 102 punti, ma Jorge Lorenzo insegue a gran ritmo a 15 lunghezze, un gap che tenterà di accorciare nel prossimo week-end. Ma come procede la convivenza con il pilota di Tavullia? “Non è facile quando uno vuole la stessa fetta di torta. Nel ciclismo è il team che deve decidere. Nel motociclismo siamo un po’ più liberi, ognuno fa la sua strada. Nella moto non abbiamo radio. Abbiamo la lavagna. L’unica cosa è parlare prima della gara – ha aggiunto il pilota spagnolo della Yamaha -. Ma questo accade poche volte”.