MotoGP, Alessio Salucci: “Valentino Rossi competitivo con la Ducati GP15”

Alessio Uccio Salucci
Alessio Salucci (getty images)

Alessio Salucci, alias ‘Uccio’, è un grande amico di Valentino Rossi sin dai tempi dell’infanzia, sempre presente su ogni pista in giro per il mondo, oltre che responsabile della VR46 Riders Academy, dove si scoprono e si crescono i talenti del futuro.

Uccio e Vale condividono non solo i momenti di sport e lavoro, ma anche le iniziative, le vacanze, le idee, i pensieri. E non bisogna mai dimenticare che i piloti non sono extraterrestri, ma vivono di sentimenti, amicizie e affetti come tutti noi.

Una premessa indispensabile per capire l’importante ruolo svolto da Alessio Salucci nella vita quotidiana del campione di Tavullia, primo in classifica dopo cinque gare della MotoGP 2015. Intervistato da Performancemag.it Uccio ha parlato del Dottore, delle giovani promesse della VR46 Riders Academy, degli allenamenti al Motor Ranch. E non poteva mancare un accenno al campionato in corso della classe regina.

A cominciare dalla caduta di Marc Marquez in Argentina e della vittoria di Valentino Rossi: “Avrei preferito arrivassero entrambi alla fine, è sempre spiacevole quando un pilota cade, ma le gare sono fatte così e può succedere. E’ stato un contatto di gara, questo è lo sport…”, ha commentato Alessio Salucci.

Per adesso fare “fare previsioni è troppo presto”, ma non nega di sognare il decimo titolo iridato. Infine una battuta sulla nuova Ducati Desmosedici GP15 che, secondo Uccio, calzerebbe bene a Valentino: “Sicuramente sì. Complimenti a Dall’Igna che ha fatto una moto davvero molto veloce, Vale sarebbe stato competitivo. Mi dispiace molto che negli anni in cui eravamo in Ducati non abbiamo avuto una così”.