F1 GP Monaco, Lewis Hamilton: “Pole speciale”. Nico Rosberg: “Ho sbagliato”

Nico Rosberg e Lewis Hamilton Getty Images)
Nico Rosberg e Lewis Hamilton Getty Images)

In tanti si aspettavano una conferma da parte di Nico Rosberg dopo Barcellona, ma è stato Lewis Hamilton ad aggiudicarsi la pole position e certamente parte come favorito per il Gran Premio di Monaco che si corre domani a partire dalle ore 15. Sarà ancora un duello tutto Mercedes quello per la vittoria della gara, anche se Sebastian Vettel con la Ferrari spera di poter fare da terzo incomodo.

Le parole di Lewis Hamilton e Nico Rosberg

Per il campione del mondo in carica è la prima pole position a Montecarlo e nel corso della conferenza stampa la termine della sessione di qualifica: “È una pole che per ma ha un grande significato, perché ci ho messo davvero molto tempo per conquistarla. Ho avuto tanti piccoli problemini che mi hanno fatto trovare il ritmo giusto solo negli ultimi giri. È una grande soddisfazione per me, che voglio dividere con la squadra e i ragazzi che hanno fatto un lavoro eccezionale”.

In vista della gara Lewis Hamilton è ottimista, ma nonostante il grande risultato di oggi sa che domani sarà una battaglia difficile: “Non siamo nemmeno a metà dell’opera, domani c’è ancora molto da fare. Sarà una grande sfida mentalmente e fisicamente. Adesso sono qui e penso agli anni passati, a cosa non aveva funzionato, quindi non vedo l’ora di correre. L’ultima volta che ero stato in pole era il 2006, in GP2, quindi per me è un giorno molto speciale”.

Nico Rosberg parte dalla seconda posizione, comunque positiva, ma non è contento e spiega cosa non ha funzionato nell’ultimo stint decisivo per la pole: “Per me è stato l’opposto di Lewis, è andata bene all’inizio e poi ho perso il comando alla fine. Dovevo dare tutto, sapevo che lui era molto veloce, ma non ci sono riuscito. Avevo un po’ di sovrasterzo, ho faticato a trovare un giusto bilanciamento della macchina, speravo di fare la pole, ma non ce l’ho fatta. Ho sbagliato, c’è poco da dire, è un peccato perché qui la pole conta molto ed è un grande vantaggio, ma ci proverò, sia nelle soste e sia in gara”.