MotoGP Ducati, Luigi Dall’Igna: “Al Mugello per regalare soddisfazioni ai tifosi”

Gigi Dall'Igna (Getty Images)
Gigi Dall’Igna (Getty Images)

La brutta prestazione di Jerez è presto dimenticata in casa Ducati che anche nel GP di Le Mans riesce a salire sul podio, in attesa di una vittoria che potrebbe arrivare a breve. Basterà lavorare ancora sulla formidabile GP15 per renderla perfetta, perchè quando si lotta contro le Honda e le Yamaha ufficiali la moto non può avere sbavature e il minimo difetto può costare decimi preziosi ad ogni giro.

Andrea Dovizioso chiude al terzo posto, Andrea Iannone al quinto pur dolorante alla spalla. Un buon biglietto da visita in vista del prossimo Gran Premio al Mugello del 31 maggio, dove le Ducati possono davvero fare paura. Unico neo della giornata è che il pilota forlivese è slittato in terza posizione in classifica piloti, ma Jorge Lorenzo ha governato un’altra gara in maniera alquanto monotona…

La Rossa di Borgo Panigale ha conquistato cinque podi in cinque gare, ma il Direttore Generale Ducati Corse dopo aver archiviato la gara francese ha già la concentrazione focalizzata sul Mugello: “Dovizioso è stato molto bravo ed ha condotto una gara veloce ed intelligente, portando ancora una volta la Desmosedici GP15 sul podio. Iannone ha disputato una gara eccezionale, dimostrando di avere un grande carattere e, nonostante il forte dolore alla spalla sinistra, ha duellato con Marquez in modo entusiasmante riuscendo a finire la gara al quinto posto – ha dichiarato Gigi Dall’Igna sul sito ufficiale della Ducati -. Archiviato il GP di Francia, da domani ci concentreremo sulla preparazione della nostra “gara di casa”, perché sappiamo che al Mugello saranno presenti tantissimi Ducatisti a cui vogliamo provare a dare ancora delle grandi soddisfazioni”.

Del resto il circuito toscano è ben conosciuto dai piloti della Ducati che qui hanno tenuto diversi test privati, ultimo dei quali una settimana fa, dove la GP15 ha viaggiato su tempi record. Ancora una volta assisteremo ad un week-end di emozioni dove i piloti italiani saranno chiamati ad onorare più che mai il tricolore.