MotoGP Le Mans, Valentino Rossi: “Dobbiamo migliorare per domani”

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

 

L’acquazzone che si è riversato sul circuito di Le Mans prima dell’ultima sessione di prove libere ha costretto l’attuale leader del campionato Valentino Rossi a rimandare il debutto del nuovo set-up per la sua Movistar Yamaha fino alle qualifiche.

Così, il Campione di Tavullia ha avuto appena un quarto d’ora per comprendere i cambiamenti, e si è giocoforza ritrovato in dodicesima e ultima posizione dopo il primo giro. Risultato: un distacco di 1.1s dalla Honda del rivale Marc Marquez, che ha conquistato la pole, e la partenza dalla settima posizione nella gara di domani.

 

Una giornata sfortunata

“C’è un po’ da vergognarsi, ma siamo stati anche sfortunati perché per noi le prove libere questo pomeriggio erano molto importanti”, ha detto Valentino Rossi dopo l’uscita dal circuito a Crash.net.

Purtroppo i piani del team Yamaha sono stati scombinati da una serie di circostanze fortuite. “Abbiamo tenuto le nuove gomme e a fine mattinata abbiamo deciso di modificare il setting della moto – spiega il Dottore – . Per questo era importante disputare le prove libere con il nuovo setting. Purtroppo si è messo a piovere, ma abbiamo deciso di usare il nuovo setting per le Qualifiche. E’ stato difficile. Devi spingere al massimo fin dall’inizio della prova. Con la prima gomma ero ultimo, ma con la seconda gomma sono già migliorato”.

Nonostante il risultato deludente, Valentino Rossi non si pente di aver sperimentato il nuovo set-up, perché – dice – è servito a prepararsi meglio alla gara. “Sono abbastanza contento – spiega – perché mi sento meglio sulla moto. Credo che abbiamo scelto la giusta direzione. Ora dobbiamo migliorare per domani”. Ma – precisa – “non tantissimo. Si tratta di piccoli dettagli. Qualcosa ai freni, qualcos’altro sull’elettronica. Ma ora la moto va meglio”.

Insomma, “dobbiamo ancora lavorare, ma la sensazione è buona e credo che possiamo tenere un passo migliore”.

 

Verso la gara

Valentino Rossi ora dovrà impedire che gli avversari in partenza dalla prima fila – Marquez, Andrea Dovizioso (Ducati) e il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo – fuggano via.

“Ovviamente partire dalla terza fila non è il massimo – ammette il Pesarese – […] per restargli vicino dovrò fare una buona partenza e cercare di non accumulare ritardi eccessivi nei primi giri”. Jorge Lorenzo, in particolare, appare in ottima forma, ma Vale si dice convinto che “qui gli sono più vicino che a Jerez”.

A buon intenditor…