Francia, dal 2016 giubbotto catarifrangente obbligatorio per i motociclisti

foto dal web
foto dal web

Il governo francese ha introdotto l’obbligo di portare un giubbotto catarifrangente per tutti i motociclisti, compresi i piloti di tre ruote e quad. A partire dal prossimo anno, dal 1° gennaio 2016, secondo il decreto 2015-514 del 7 maggio, i centauri francesi dovranno avere nel bauletto un gilet ad alta visibilità che dovranno usare in caso di sosta a bordo strada, lo stesso giubbino che gli automobilisti francesi portano con sè in auto come d’obbligo dal 2008.

I motociclisti d’Oltralpe dovranno indossare il gilet in caso di emergenza, di incidente o avaria, e dovrà essere custodito in un qualsiasi vano della moto, purchè sia facilmente estraibile. Chi sarà beccato senza giubbotto catarifrangente dovrà pagare una sanzione di 11 euro, chi invece non lo indosserà in caso di emergenza sarà costretto a pagare una multa di 135 euro, così come avviene per gli automobilisti.

 

In Italia l’obbligo di indossare il giubbotto catarifrangente in caso di emergenza è in vigore dal 2004, pena un’ammenda da 39 a 159 euro più la sottrazione di due punti dalla patente di guida. Anche i ciclisti sono obbligati a indossare l’apposito gilet quando marciano in galleria e “fuori dai centri abitati da mezz’ora dopo il tramonto del sole a mezz’ora prima del suo sorgere”. Per loro le sanzioni oscillano da 24 a 94 euro.