Cambio gomme invernali-estive, dal 15 maggio partono le sanzioni

Gomma auto
(getty images)

Dal 15 maggio scatteranno le sanzioni per chi sarà beccato con le gomme invernali anzichè quelle estive. Il 15 aprile è scaduto l’obbligo degli pneumatici invernali in Italia, ma dopo il mese di proroga da venerdì scatteranno le multe che oscillano da 422 euro a 1.695 euro.

Non tutte le gomme invernali, però, dovranno essere sostituite obbligatoriamente, come si legge sul sito Asaps.it: “Solo se hanno l’indice di velocità uguale o superiore a quello indicato sulla carta di circolazione del veicolo”.

Il cambio gomme non solo influisce sui consumi, ma consente una maggiore aderenza e una migliore frenata. Inoltre se il mancato cambio gomme da invernali a estive (o viceversa) viene registrato dopo un sinistro l’assicurazione potrebbe non coprire i danni. Per essere più tranquilli quindi andate a verificare la lettera corrispondente all’indice di velocità, presente poco più a destra della misura dei cerchi, e confrontatela con quella riportata sul libretto.

L’Asaps, come riportato da ‘Repubblica‘, precisa che “quasi solo da noi esistono regole con date rigidissime che ci costringono dopo il 15 maggio, a smontare gli pneumatici invernali che non abbiano i codici di velocità corrispondenti alle indicazioni sulla carta di circolazione, anche se con un normalissimo codice Q (esistente su quasi tutte le invernali) si può viaggiare a 160 km/h! Mentre prima ci hanno obbligato a tenerle montate (salvo avere le catene al seguito) sino al 15 aprile anche se in quasi tutto il Paese avevamo da oltre un mese temperature fra i 15 e i 20 gradi. Le scadenze fisse (come gli yogurt) non esistono neppure in Germania e Russia. In Finlandia l’obbligo va dal 1° dicembre alla fine di febbraio! Ma nel paese “do sole” date fisse e periodo più esteso!”.

 

 

* Indici di velocità degli pneumatici:

M 130
N 140
P 150
Q 160
R 170
S 180
T 190
U 200
H 210
V 240
W 270
Y 300
ZR >240