MotoGP, Valentino Rossi: “Silvano Galbusera è molto importante”

Silvano Galbusera
Silvano Galbusera (getty images)

Conto alla rovescia verso il Gran Premio di Le Mans, quinta tappa della MotoGP 2015, dove il nostro Valentino Rossi avrà il compito di cercare di blindare il primato in classifica e magari aumentarlo. Dopo il biennio Ducati erano in molti a dirsi convinti del suo tramonto, di una carriera ormai esauritasi e fatta ormai solo di bei ricordi.

I tifosi, la squadra e lui stesso adesso credono più che mai nella vittoria del decimo titolo iridato che sarebbe un’autentica ciliegina sulla torta, frutto di una vita dedicata alle corse come mai nessun pilota al mondo.

Il segreto della svolta, o uno dei segreti, è stato l’arrivo del nuovo capo tecnico Silvano Galbusera che ha sostituito lo storico Jeremy Burgess, conferendo nuovi stimoli e linfa vitale a Valentino, che ha dovuto gara dopo gara cambiare il proprio stile di guida per adattarsi alle nuove generazioni di moto e ad un avversario fenomenale come Marc Marquez. Probabilmente senza il campione della Honda il decimo titolo sarebbe già stato raggiunto nel 2014, ma con i ‘se’ e con i ‘ma’ la storia non si fa…

Il binomio Valentino Rossi-Silvano Galbusera sta portando i suoi maggiori frutti proprio in questa stagione e Il Dottore è al vertice della classifica iridata davanti ad Andrea Dovizioso, Jorge Lorenzo e Marc Marquez, tre grandi ostacoli che lo separano dal sogno del 10° trionfo mondiale. Un piccolo successo parziale il cui merito non può che non attribuirsi anche al capotecnico, con cui passa ore ed ore dopo le prove libere e le qualifiche per studiare ogni minimo dettaglio della sua YZR-M1.

“E’ molto importante perché lavoriamo bene insieme sulla moto – ha ammesso Rossi in un’intervista riportata da Speedweek.com -. Dobbiamo studiare un buon piano per la preparazione ed eseguire correttamente il lavoro ai box. Aggiungete a questo che io attualmente vado molto bene, perché dal 2013 ho ampliato e migliorato il mio stile di guida”.