F1, responsabile strategie Ferrari: “A Barcellona attenzione a gomme e pit-stop”

Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen
Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen (getty images)

Il Mondiale di Formula 1 ritorna in pista dopo tre settimane di stop e sbarca a Montmelò, circuito a pochi chilometri da Barcellona, dove le Ferrari dovranno confermare il grande passo avanti. Durante l’inverno qui si sono tenute due sessioni di test pre-campionato, quindi il tracciato è ben conosciuto da team e piloti, ma è risaputo che il Montmelò è un circuito difficile, dove si giocherà tutto sui pit-stop, dal momento che sorpassare è impresa ardua.

 

Iñaki Rueda, responsabile delle strategie di Scuderia Ferrari, spiega quali siano le caratteristiche più rilevanti che offre il tracciato catalano: “Montmelò è una pista tradizionalmente molto dura per l’usura e il degrado degli pneumatici: non a caso, negli ultimi anni, abbiamo visto aumentare di parecchio il numero dei pit stop – ha detto sul sito Ferrari.com -. Bisogna considerare, però, che la necessità di effettuare più soste offre anche una buona opportunità di guadagnare posizioni: su un circuito in cui è difficile sorpassare, bisogna saper ‘giocare’ con i cambi gomme anche per poter sopravanzare gli avversari”.

Il Gran Premio di Barcellona in programma dall’8 al 10 maggio sarà una battaglia di tattiche e strategie dove sarà fondamentale tenere presente anche le scelte degli avversari. Ancora una volta Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen sono chiamati a svolgere una gara perfetta per proseguire l’avanzata delle Ferrari verso le Mercedes: “Sappiamo bene che nella prima gara europea tutte le squadre schiereranno vetture con molti sviluppi, praticamente nuove rispetto a quelle che abbiamo visto in Bahrain: per quanto ci riguarda – ha concluso Rueda -, speriamo che i nostri aggiornamenti ci permettano di avvicinarci ulteriormente alla Mercedes”.