Daimler Truck, presentato il primo autotreno con guida autonoma

Daimler Truck
Daimler Truck

Una delle più grandi dighe americane, la diga Hoover, che dà luce a Las Vegas e alla California, ha ospitato la world première del primo truck con guida autonoma della Daimler, abilitato ad operare su strade pubbliche nella storica diga arc-gravity di cemento del Nevada.

La diga Hoover per l’occasione è diventata uno schermo di dimensioni mai realizzate in Nord America, con
60 videoproiettori da 26.000 watt ognuno, che hanno animato uno schermo di oltre 420.000 mq, per 30 minuti,
presentando la world première di Freightliner Inspiration Truck, che ha permesso al Freightliner di scrivere il proprio nome nel GUINNESS WORLD RECORDS™.

L’evento ha permesso a Daimler di presentare il primo truck al mondo con guida autonoma e come ha dichiarato
Wolfgang Bernhard, Membro del Board of Management di Daimler AG, Daimler Trucks and Buses “la diga Hoover è stata la cornice ideale per presentare questa rivoluzionaria anteprima al mondo dei truck” aggiungendo che “per dimostrare le grandi opportunità che l’autonomous driving offre all’industria globale dei truck siamo arrivati dove pochi avrebbero osato spingersi. Un debutto reso ancora più significativo dal titolo conquistato nei GUINNESS WORLD RECORDS™.”

Il futuristico truck a guida autonoma della Daimler libera il conducente dalla guida, consentendo di svolgere altre attività in tutta sicurezza, dato che il mezzo può muoversi anche da solo. Cosi facendo la cabina del camion si trasforma in un’ipotetico ufficio mobile, in modo che si possa sfruttare tutto il tempo del percorso in maniera produttiva.

Per preparare la diga Hoover ci sono voluti mesi di progettazione e allestimento, per il fatto che le superfici della diga sono irregolari e di conseguenza è stata utilizzata tecnologia mai usata prima d’ora in eventi di proiezione cosi importanti che, per ovviare al problema delle immagini deformate, ha richiesto innovative tecniche di video mapping e software dedicati che hanno permesso di adattare le immagini alle superfici irregolari.