MotoGP Jerez, Valentino Rossi: “Pensavo di potercela fare”

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

 

Valentino Rossi lascia Jerez con un podio in più – il 4° in quattro gare stagionali, l’8° consecutivo, il 12° nelle ultime 13, il 200° di una carriera senza eguali – e ulteriori punti di vantaggio sul secondo in classifica. Certo, nel corso della tre giorni spagnola è sempre stato decisamente più lento del compagno di squadra Jorge Lorenzo e ha perso punti anche rispetto al rivale della Honda Marc Marquez. Ma il bilancio di fine round resta comunque positivo.

 

Luci e ombre del round spagnolo

“E’ stato un weekend difficile – premette Valentino Rossi nella dichiarazione ufficiale sul sito del team Yamaha – . Sin da Venerdì abbiamo avuto molta difficoltà a trovare il giusto setting e non sono riuscito a correre ai massimi livelli”.

Nel corso del fine settimana sono sono però stati fatti dei passi avanti. “Siamo migliorati – spiega il Dottore – e abbiamo lavorato anche dopo il warm up, nel tentativo di ottimizzare il setting”.

L’esito della gara resta comunque dignitoso: “Alla fine è un podio – fa presente il Campione di Tavullia – quindi un risultato niente male, ma anche in gara non ero abbastanza forte da lottare con Jorge [Lorenzo] e Marc [Marquez]. Specialmente nell’ingresso delle curve non ero al 100%”.

“A un certo punto della gara – ricorda – non stavo andando così male e mi sono avvicinato a Marc. Abbiamo sperato in un’altra bella sfida fino all’ultimo, e pensavo di potercela fare, perché ho ridotto il gap a un secondo, ma poi ho dovuto rinunciarci”.

Come anticipato, il bilancio è comunque positivo: “Ho messo a segno molti punti – rimarca Valentino – , con due vittorie e quattro podi. Stavolta ho esteso il mio comando a Dovizioso, ma a quanto pare anche Jorge è tornato nel campionato con la sua vittoria. E’ dietro di soli 2o punti, ma il campionato è ancora lungo”.

“Per ora non dobbiamo pensare ai punti – puntualizza il Pesarese – , ma solo alla moto, e cercare di essere competitivi ogni weekend”.

Come riporta Crash.net, a fine giornata Valentino ha poi ringraziato Marquez “perché averlo davanti ha reso la mia gara più facile. Se fossi stato da solo mi sarei annoiato…”.

E a proposito del 200° podio ha confidato che i suoi tanti trofei sono “Un po’ sparsi, alcuni a casa mia, altri in quella di mia madre, altri in quella di Graziano”. “Quando sono rientrato in Yamaha – ha aggiunto Valentino – non ero sicuro di potere vincere ancora e mi dicevo che mi sarebbe piaciuto arrivare a 200 podi prima di finire la carriera. Ci sono riuscito in anticipo. Meglio, così possiamo sperare in altri”.

E noi di Tuttomotoriweb speriamo con lui…