MotoGP Jerez, Andrea Dovizioso: “Pista difficile per Ducati”. Andrea Iannone: “Possiamo fare bene”

Andrea Dovizioso, Andrea Iannone e Valentino Rossi a Losail
Andrea Dovizioso, Andrea Iannone e Valentino Rossi (getty images)

Dopo tre secondi posti in Qatar, Austin e Argentina in sella alla nuova Ducati Desmosedici GP15 Andrea Dovizioso è a soli sei punti dal leader del campionato Valentino Rossi, mentre l’altro ducatista Andrea Iannone è terzo in classifica iridata a -20 dal vertice. I due piloti italiani hanno dimostrato quanto vale davvero la moto progettata dall’ingegnere Luigi Dall’Igna, che può e deve limare ancora qualche piccolo difetto per poter tenere testa anche alla Honda ufficiale.

Il pilota forlivese per ben tre volte ha sfiorato il successo e nel prossimo GP di Spagna avrà la possibilità di conquistare l’ambito obiettivo che potrebbe proiettare la casa di Borgo Panigale nella corsa al mondiale: “Jerez è uno dei tracciati più difficili per me e la Ducati”, avverte Andrea Dovizioso alla vigilia del Gran Premio, come riportato da Speedweek.com. “Il motivo principale è l’elevata usura degli pneumatici, ma i risultati delle prime tre gare mi rendono ottimista. La GP15 sembra funzionare bene su tutte le piste. Questo conferma che stiamo lavorando correttamente. Sono convinto che possiamo ottenere un buon risultato a Jerez”.

 

Andrea Iannone ha forse ancora un po’ di amaro in bocca per il podio sfumato all’ultima curva in occasione dell’ultima gara a Termas de Rio Hondo di due settimane fa, quando è stato beffato al fotofinish da Cal Crutchlow. Ora è tempo di mettersi alle spalle il ricordo e trarne insegnamenti utili per rimettere i piedi sul podio quanto prima: “Su questa pista ho già vinto nel 2011 la gara di Moto2. La pista mi piace molto. Tuttavia molti piloti saranno veloci, quindi dobbiamo lavorare sodo per raggiungere il pieno potenziale della moto e della squadra. Non è un weekend facile, ma possiamo fare bene – ha sottolineato Iannone -. Ma io farò sempre del mio meglio”.