Formula 1, Valtteri Bottas: “Possiamo colmare il gap dalle Ferrari”

Valtteri Bottas
Valtteri Bottas (getty images)

Valtteri Bottas nella scorsa stagione è salito sul podio per ben sette volte e non perde il suo ottimismo in vista di questo campionato di Formula 1 2015. Il pilota finlandese classe 1989 pensa di poter replicare le prestazioni dell’anno scorso al volante della sua Williams, sebbene debba fare i conti non solo con le Mercedes ma anche con le rinnovate Ferrari di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen.

Eppure questa stagione è iniziata in maniera abbastanza positiva per Valtteri Bottas, eccezion fatta per il ritiro nella prima gara a causa di un problema alla schiena alla vigilia della gara. Più volte il suo nome è stato associato a quello della Ferrari per il 2016, ma la scuderia britannica difficilmente si lascerà sfuggire il suo pupillo. E per convincerlo dovrà rimediare al gap con gli avversari nel più breve tempo possibile.

“Abbiamo compiuto dei progressi nella galleria del vento e non ci dovrebbero essere alcuni aggiornamenti per Barcellona, ​​dove speriamo di poter chiudere il gap, ma la strada è ancora lunga prima della fine della stagione e abbiamo migliorato rispetto all’anno scorso – ha detto Bottas in un’intervista a Crash.net -. Sono ancora pieno di speranza e c’è abbastanza tempo per arrivare molto vicino ai rivali… L’aerodinamica è la cosa principale e possiamo ancora migliorare”.

 

Sarà l’erede di Kimi Raikkonen?

Intanto l’ex campione iridato Mika Hakkinen, dalle colonne del suo blog su ‘Hermes’, sembra suggerire alla Ferrari di optare per Valtteri Bottas al posto di Kimi Raikkonen per il 2016: “In questo momento è difficile analizzare se questa potrebbe essere la decisione giusta o sbagliata per loro…”, dal momento che Iceman non sembra essere costante nei risultati. Invece il giovane connazionale Vallteri nell’ultima gara in Bahrain ha dimostrato di avere la stoffa del fuoriclasse riuscendo a chiudere la gara davanti all’affermatissimo Sebastian Vettel: “Ha resistito ad un quattro volte campione del Mondo che è stato a lungo incollato alla sua trasmissione”, ha ricordato Hakkinen. “Un aspetto importante per chi un giorno vuole arrivare a lottare per un campionato mondiale”.