MotoGP, Valentino Rossi: “Non mi interessa essere il numero 1 in Yamaha”

Jorge Lorenzo e Valentino Rossi (Getty Images)
Jorge Lorenzo e Valentino Rossi (Getty Images)

Alla vigilia del Mondiale 2015 di MotoGP Marc Marquez era il super favorito per la vittoria iridata, ma dopo tre gare è costretto ad inseguire il leader di classifica a Valentino Rossi a +30. Un gap forse insignificante per il fenomeno spagnolo che può vantare la moto più perfetta del campionato e resta il maggior pretendente al trono della classe regina, ma di certo non avrà vita facile come nel 2014 e dovrà fare i conti non solo con le Yamaha ufficiali, ma anche con le Ducati, al momento davanti nella classifica generale.

Appena un mese fa il pesarese aveva dichiarato di essere pronto a scommettere sul campione di Cervera, ma forse solo per scaramanzia… “Se dovessi scommettere soldi punterei su Márquez, per me è il favorito”, aggiungendo “vorrei cercare di attaccare lui un po’ di sfortuna, le scommesse attirano sfortuna”.

Ma oltre che al pilota della Honda ora Valentino Rossi dovrà guardarsi bene dal ritorno di Jorge Lorenzo che finora sembra in difficoltà, ma se in perfetta forma può dare fastidio a chiunque. “Penso che Marc Marquez e Jorge Lorenzo in gara siano molto pericolosi per me, perché sono difficili da battere quando sono in forma”, ha detto a Speedweek, ma non c’è nessuna volontà di essere il numero 1 nei box Yamaha: “Per me non è così importante essere il numero 1 in Yamaha perché mi trattano allo stesso modo di Jorge. Questo è successo già nel 2014… L’anno scorso ho chiuso davanti a Jorge, che vuole vendicarsi. Ma il nostro obiettivo comune è quello di battere Marquez”.