MotoGP, boss Bridgestone: “Valentino Rossi aveva un ritmo eccezionale”

Valentino Rossi a Termas de Rio Hondo
Valentino Rossi (getty images)

Il pilota della Movistar Yamaha MotoGP Valentino Rossi ha messo a segno una delle performance più impeccabili della sua carriera, aggiudicandosi la seconda vittoria stagionale che lo proietta al vertice della classifica piloti, davanti alle Ducati ufficiali di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone.

Una vittoria ancor più sensazionale se si pensa che il campione di Tavullia è partito dalla terza fila, riuscendo a porsi alla testa del gruppo al penultimo giro, davanti all’apparentemente invincibile Repsol Honda di Marc Marquez.

 

Il segreto del successo di Valentino Rossi è innanzitutto la scelta della gomma posteriore extra-dura che, insieme ad un giusto set-up, hanno fornito il giusto potenziale per arrivare fino al traguardo al massimo delle proprie prestazioni, tanto che il pesarese ha realizzato i tempi più veloci proprio verso il finale del Gran Premio sul circuito Termas de Rio Hondo, dove le temperature dell’asfalto si aggiravano intorno ai 37°C, dieci in meno rispetto al giorno precedente.

Marc Marquez, invece, ha optato per la mescola dura al posteriore, il che ha forse condannato il campione in carica alla sconfitta, sebbene i tecnici della HRC confermino di aver scelto la giusta strategia per lo spagnolo e la RC213V.

“Questa è stata un’altra gara incredibile di una stagione finora emozionante – ha detto Hiroshi Yamada, responsabile Bridgestone Motorsport -. Congratulazioni a Valentino e alla Yamaha per questa vittoria impressionante, il suo ritmo nella seconda parte di gara era eccezionale. E’ stato un peccato vedere Marc cadere a terra, ma sappiamo che non molla mai e sarà difficile batterlo al prossimo turno… E’ stato un fine settimana di successo per Bridgestone e le nostre gomme si sono comportate molto bene; non vediamo l’ora di iniziare la parte europea della stagione MotoGP a Jerez tra un paio di settimane”.

Soddisfatto anche Masao Azuma, capo ingegnere del Dipartimento Motorsport Bridgestone: “Siamo stati fortunati ad avere buone condizioni meteo anche in gara e, a parte poche eccezioni, i piloti hanno selezionato le stesse combinazioni degli pneumatici che hanno usato durante le simulazioni di gara di ieri… Vedere così tanti piloti impostare il loro giro più veloce nelle fasi finali di gara è un’indicazione della buona performance delle gomme fornite. In particolare, il debutto della nostra nuova mescola extra-dura al posteriore si è dimostrato vincente per Rossi, che è stato in grado di stabilire un nuovo tempo record della gara al ventesimo giro”.