MotoGP Argentina, Andrea Iannone: “Potevamo salire sul podio, mi rifarò nella prossima gara”

Andrea Iannone
Andrea Iannone (getty images)

Andrea Iannone ha lottato fino all’ultimo giro del Gran Premio dell’Argentina, ma all’ultima curva ha commesso un piccolo errore che gli ha fatto perdere il podio a favore di Cal Crutchlow che ne ha subito approfittato. Il pilota abruzzese della Ducati può comunque ritenersi soddisfatto della gara e ora si attesta terzo nella classifica piloti a quota 40 punti, scavalcando Marc Marquez reduce da una caduta a meno di due giri dal traguardo.

Resta forse un po’ di amaro in bocca per un podio sfumato a pochi metri dall’arrivo, cui si aggiunge il gesto dell’ombrello eseguito dal pilota della Honda satellite. Ma Andrea Iannone si mostra superiore ed evita di farne menzione.

“In gara potevamo sicuramente lottare per il podio, perché eravamo abbastanza a posto per essere veloci e alla fine l’abbiamo dimostrato. Verso metà gara mi sono trovato in difficoltà ed ho cambiato mappa per cercare di far scivolare un po’ meno la moto e guidare un po’ meglio, ma è stato troppo tardi – ha ammesso il rider di Vasto -. Quindi probabilmente non ho azzeccato il momento giusto per attuare questa strategia, e alla fine l’ho pagata. Peccato perché nel finale ero più veloce di Cal, ma all’ultima curva sono arrivato un po’ lungo e lui mi ha superato. E’ stata comunque una bella battaglia – ha concluso – e sicuramente proverò a rifarmi alla prossima gara”.