MotoGP, Andrea Dovizioso: “Sono vicino a Valentino, è un sogno che si avvera”

Andrea Dovizioso e Valentino Rossi
Andrea Dovizioso e Valentino Rossi (getty images)

Non poteva iniziare in maniera migliore il Mondiale della Ducati e di Andrea Dovizioso, o forse si, magari con una vittoria. Ma di questo passo arriverà a breve e sarebbe già arrivata se in pista non ci fossero due mostri sacri come Marc Marquez e Valentino Rossi che per il momento restano i favoriti per la vittoria del titolo iridato. Ma se finora la GP15 ha riservato lieti quanto inaspettate sorprese, non è detto che fra qualche mese non staremo qui a parlare della possibilità, da parte del team di Borgo Panigale, di vincere il campionato.

 

La Ducati ad un passo dalla vittoria

Tre volte sul podio in altrettante gare per il pilota forlivese che fino alla fine della scorsa stagione sembrava quasi una semplice presenza in pista, un numero qualunque su una moto che non riusciva mai a decollare, in attesa di chissà quali modifiche. Ma adesso che la musica è cambiata, orchestrata da quel grande stratega di Luigi Dall’Igna, la Rossa inizia a fare paura agli avversari, su ogni circuito e in qualsiasi condizione atmosferica. E in Argentina si è avuta l’ennesima conferma…

“Sono molto felice. Soprattutto per aver ottenuto questo risultato – ha dichiarato Andrea Dovizioso al termine della gara argentina come riportato dal sito Crash.net -. L’anno scorso ho faticato molto e durante le prove questo fine settimana sono stato abbastanza veloce, ma non come il Qatar e Austin. Ma abbiamo lavorato duro e siamo arrivati in gara con il giusto set-up per il telaio e l’elettronica. Ha funzionato molto bene ed eravamo veloci. ma abbiamo salvato anche lo pneumatico. Questa è stata la chiave per essere in grado di seguire Valentino quasi per tutta la gara – ha precisato il forlivese -. Poi alla fine ha lasciato cadere il tempo sul giro, di 39″0, era impossibile per me. Ma sono davvero felice”.

Per adesso conta riuscire a stare davanti in ogni gara, lottare spalla a spalla con Honda e Yamaha, poi la vittoria arriverà quasi per magia nelle prossime gare, perchè la squadra è compatta e lavora bene, come dimostra il suo secondo posto in classifica piloti, seguito dal compagno di squadra Andrea Iannone. “Sono molto vicino a Valentino, è un sogno che si avvera – ha proseguito il Dovi -, perché la moto è ancora giovane e siamo secondi in campionato, sei punti dietro, dopo un ottimo inizio di stagione di Valentino. Siamo molto vicini!”.

Adesso la MotoGP può lasciare il Nuovo Continente e approdare nel Vecchio, dove fra meno di due settimane si ritornerà in pista a Jerez de la Frontera. Subito dopo ci saranno tre giorni di test per tentare di migliorare le moto e provare ulteriori aggiornamenti: “A Jerez sono convinto che potremo fare bene, poi subito dopo ci saranno i test e lì potremmo fare delle prove importanti per crescere ancora e dire la nostra”, ha concluso Andrea Dovizioso.

 

 

Luigi Ciamburro