MotoGP, Marc Marquez: “Rio Hondo pista favorevole alla Yamaha”

Marc Marquez
Marc Marquez (getty images)

Dopo il passo falso del Qatar Marc Marquez si è subito preso la rivincita in Texas, un circuito favorevole alla Honda, pur restando terzo in classifica piloti. Ma il campione in carica approda in Argentina ancora una volta da favorito, considerato che l’anno scorso ha vinto sul circuito di Rio Hondo senza discussioni. Ma il campionato 2014 è ormai un ricordo, da quest’anno la Yamaha ha dimezzato il gap e la Ducati è tutta un’altra moto: nuovi equilibri di cui Marquez è ben cosciente…

 

“So che la prima parte dello scorso anno è stato speciale e ho già capito che questo campionato è diverso. Bisogna essere pazienti. Non si può vincere ogni gara – ha confessato il campione di Cervera -. Non si può essere al top ogni gara. La cosa più importante è il risultato finale e, se si vuole essere lì alla fine, come abbiamo visto in passato, la cosa più importante è la coerenza. Quindi cercheremo di essere ad un buon livello ogni fine settimana, ma se non è possibile vincere è meglio finire sul podio, ed essere sempre lì per il campionato”.

Ma in Argentina la vittoria è alla portata di mano e sarà importante non commettere errori e sperare su condizioni di pista ottimali: “Dobbiamo rimanere concentrati come ad Austin. Le condizioni della pista saranno importanti, dal momento che nel 2014 l’asfalto era inizialmente molto scivoloso. Nei giorni di allenamento vogliamo sempre essere lì davanti. Domenica, voglio lottare per la vittoria”, ha ammesso Marc Marquez senza mezzi termini, come riportato su Crah.net.

Qui in Argentina non sarà semplice come sul circuito di Austin e per la Yamaha sarà un circuito più favorevole, senza dimenticare l’intraprendenza della Ducati e di Andrea Dovizioso: “Rossi è in forma, è una pista migliore per la Yamaha, quindi è più difficile che in Austin, ma lo scorso anno mi sentivo molto bene qui con la Honda”.