MotoGP Austin, Valentino Rossi: “Oggi Dovizioso era più veloce di me, in Argentina saremo più competitivi”

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi ha chiuso sul podio il Gran Premio del Texas e mantiene la leadership in classifica iridata, seguito ad un solo punto da Andrea Dovizioso che ancora una volta ha ottenuto un secondo piazzamento. Al momento significa ben poco essere primo in classifica, ma il pilota della Movistar Yamaha sta dimostrando di poter essere competitivo e la prossima gara in Argentina servirà per confermare il trend positivo.

“Essere in testa alla classifica mondiale dopo due gare non è molto importante, perché la Coppa del Mondo avrà un tempo molto lungo”, ha confessato il campione di Tavullia. “Ma è comunque una bella sensazione… Siamo ancora in testa dopo questa gara in Austin su una pista che è una delle peggiori per Yamaha. Abbiamo sempre avuto problemi qui. Potremmo già essere felici se abbiamo perseverato con la gomma anteriore, almeno fino al traguardo. Ma quest’anno è andata meglio”.

Stavolta il connazionale Andrea Dovizioso ha avuto la meglio, confermando l’ottimo stato di forma della Ducati GP15 e lasciando presagire una stagione al vertice, in lotta per il titolo iridato: “Naturalmente il fine settimana sarebbe stato perfetto se fossi finito davanti ad Andrea. Ma oggi è stato più forte di me. Devo accettarlo. Il 3 ° posto è un buon risultato per noi”.

Ora è già tempo di concentrarsi sulla prossima gara in Argentina fra meno di una settimana dove la Yamaha M1 non partirà con i sfavori del pronostico: “Mi piace la pista di Las Termas. Spero solo che l’asfalto sia in forma migliore rispetto allo scorso anno. L’anno scorso la pista era molto sporca. Il layout in Argentina è buono. La pista non è male per la nostra moto. In Argentina – ha concluso Valentino Rossi – saremo più competitivi di qui”