MotoGP, Andrea Iannone: “La Ducati può lottare ogni domenica per il podio”

Andrea Iannone con la Ducati GP15
Andrea Iannone con la Ducati GP15 (getty images(

Dopo il Gran Premio di Austin la Ducati ha avuto le conferme che cercava, con Andrea Dovizioso che ha conquistato il secondo podio consecutivo e Andrea Iannone che, a causa di qualche difficoltà non dipendente dalla moto, è riuscito comunque a chiudere in quinta posizione.

Il pilota di Vasto, dopo essere partito dalla terza fila, ha perso il contatto dai primi nel corso del primo giro, quando ha perso secondi preziosi per evitare di restare coinvolto nell’incidente tra Scott Redding e Pol Espargaro. Dopo una bella rimonta su su Jorge Lorenzo e Bradley Smith ha tentato l’assalto al compagno di squadra, ma il deterioramento degli pneumatici lo ha costretto ad accontentarsi della quinta piazza.

“Tutto sommato è stato un weekend positivo, anche se non sono molto soddisfatto del mio quinto posto – ha confessato Andrea Iannone -. Oggi era difficile riuscire ad ottenere di più, perché in partenza ho perso tanto tempo quando Redding è caduto davanti a me. Allora ho dovuto spingere per recuperare i quattro secondi di distacco dai primi e non è stato assolutamente facile. Ho dovuto forzare molto sull’anteriore e sulle gomme in generale, e inevitabilmente l’ho pagato negli ultimi cinque giri – ha sottolineato il rider abruzzese -. Peccato, ma sono comunque contento di avere una moto competitiva, che ogni domenica può lottare per il podio e mi consente di stare davanti con i piloti più forti, e sto portando a casa dei risultati importanti”.