F1, Nico Rosberg: “Lewis Hamilton mi ha rallentato”. La replica: “Non penso alla sua gara”

Nico Rosberg e Lewis Hamilton (Getty Images)
Nico Rosberg e Lewis Hamilton (Getty Images)

La Mercedes nel Gran Premio di Cina ha messo a segno l’ennesima doppietta delle ultime due stagioni, ma all’interno della squadra non mancano le polemiche tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton.

Il tedesco si è lamentato del ritmo di gara tenuto dal compagno e ha letteralmente sbottato quando ha sentito che il campione del mondo in carica ha dichiarato: “Ho fatto il mio ritmo senza preoccuparmi del resto e tutto è andato per il meglio”. Il figlio d’arte ha così risposto: “Interessante sentire questo, che non si è preoccupato di chi era dietro – riporta Gazzetta.it – Peccato che avessi chiamato via radio il box e segnalato che Lewis dovesse aumentare l’andatura altrimenti le mie gomme si rovinavano e rischiavo pure di essere sorpassato da Vettel”.

Ma Lewis Hamilton non è stato in silenzio ed ha voluto controbattere alle accuse del compagno: “Il mio lavoro non è pensare alla gara di Nico, ma gestire la mia macchina e portare l’auto e me stesso alla fine nel modo più veloce possibile: così ho fatto. Non ho fatto nulla a livello intenzionale per danneggiare Nico, lui doveva soltanto cercare di superarmi e non c’è riuscito”.

Ma Nico Rosberg ha voluto spiegare meglio il motivo delle sue lamentele: “Ho provato ad attaccare nel primo stint, ma non ha funzionato, ho distrutto le gomme – riporta crash.net – Nel secondo stint non aveva senso farlo perché Vettel era dietro e rischiavo il secondo posto se avessi tentato di sorpassare Lewis perché avrei rovinato completamente le mie gomme. La mia unica possibilità di vincere o almeno di combattere era nel finale di gara ed era quello che stavo costruendo”.