MotoGP Austin, Jorge Lorenzo: “Una gara bagnata sarebbe meglio per me”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (getty images)

Nella prima giornata di prove libere Jorge Lorenzo sembrava quasi sul punto di dare forfait a causa dell’influenza, ma nel sabato del Gran Premio di Austin ha stretto i denti, anche grazie all’efficacia degli antibiotici, ed è riuscito a conquistare la prima fila, alle spalle di Marc Marquez e Andrea Dovizioso.

“Le qualifiche sono state molto emozionanti come sempre. Le posizioni stavano cambiando molto e abbiamo cercato il massimo, anche senza le migliori condizioni fisiche – ha dichiarato il pilota maiorchino in una nota ufficiale -. Per un giro, non era così male, ho potuto dare il massimo sforzo per ottene questo tempo sul giro. Sono rimasto davvero soddisfatto di questo tempo e la posizione, non mi aspettavo di essere tra i primi cinque. Vediamo che tempo fa domani. Personalmente preferisco una gara asciutta, ma una gara bagnata sarebbe meglio per la mia condizione fisica”, ha sottolineato il pilota della Movistar Yamaha.

“Sono molto felice che la Yamaha vada sempre meglio su questa pista. Non abbiamo avuto un sacco di tempo per girare, quindi non sappiamo esattamente quale sia il nostro ritmo. Il pneumatico anteriore si consuma molto rapidamente sul lato destro, proprio come l’anno scorso. Vediamo in una gara secca come si svolge. Mi sento così così in questo momento. Gli antibiotici stanno facendo il loro effetto – ha concluso Jorge Lorenzo -, ma ho bisogno di essere in perfette condizioni per domani”.

 

L’analisi del Team Director Movistar Yamaha – Soddisfatto anche il Team Director della Yamaha Massimo Meregalli, sebbene abbia intenzione di affinare ulteriormente il set-up nel warm-up di domani: “In generale oggi è andata bene. La prima fila è sempre un buon posto per iniziare la gara. Considerando le sue condizioni Jorge ha fatto un ottimo lavoro e anche la seconda fila di Vale è buona. Anche se siamo soddisfatti dei risultati di qualificazione, abbiamo ancora del lavoro da fare. I tecnici stanno cercando di trovare alcuni miglioramenti da testare domani nel warm up. Riteniamo possibile affinare il set-up e siamo fiduciosi nelle capacità di entrambi i nostri piloti. L’unica cosa che non sappiamo è come sarà il tempo. Dobbiamo essere preparati sia per una gara umida sia una gara asciutta”.