F1 Cina, Lewis Hamilton: “Mercedes fantastica”. Nico Rosberg: “Che frustrazione”

Nico Rosberg, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel (Getty Images)
Nico Rosberg, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel (Getty Images)

La Mercedes si conferma anche a Shanghai in pole position con Lewis Hamilton, leader del Mondiale 2015 di Formula1 e autore della terza pole consecutiva nelle prime tre gare. A completare la prima fila il compagno Nico Rosberg, che per pochissimo è stato battuto. Il campione del mondo continua dunque a mettersi davanti al tedesco anche in qualifica, dove l’anno scorso il figlio d’arte andava meglio.

Le frecce d’argento di Stoccarda saranno ancora una volta le monoposto da battere in gara e Sebastian Vettel (3° con la Ferrari) sogna un altro colpaccio come a Sepang, ma qui in Cina sarà più complicato vincere per lui.

 

Mercedes, parlano Lewis Hamilton e Nico Rosberg

Il pole-man inglese è molto soddisfatto di essersi messo davanti a tutti anche oggi e ciò lo fa essere ovviamente ottimista anche in vista della gara di domani: “La Cina continua ad essere in generale un buon circuito per me – ha dichiarato a Sky Sport -. Sento sensazioni molto positive qui: la macchina sta andando in un modo fantastico, molto meglio rispetto al week-end di Sepang. Il team continua a svolgere un lavoro fantastico, i ragazzi in fabbrica hanno fatto il massimo recuperando le forze e l’unità dopo l’ultima corsa, portandoci anche dei miglioramenti per questo appuntamento. Li ringrazio”. Lewis Hamilton non manca dunque di esprimere gratitudine verso una squadra che lo sta mettendo nelle condizioni migliori per essere competitivo.

Nico Rosberg è in seconda posizione, ma non è contento: “È frustrante aver mancato la pole, la volevo, ci sono andato molto vicino ma non sono soddisfatto. Comunque i punti si fanno domani non oggi, la Ferrari era lontanissima ma in gara sappiamo che possono metterci in difficoltà. Sarà fondamentale la gestione delle gomme con le morbide che si distruggono dopo pochi giri, abbiamo lavorato sulle medie”. Una battuta anche sul rinnovo del contratto del compagno: “Sinceramente penso che Lewis si meriti molti soldi, ma se fossi nei dirigenti Mercedes non gli darei di certo 200 milioni”.