MotoGP, Livo Suppo: “Il ritorno di Casey Stoner si dovrebbe preparare nel modo giusto”

Casey Stoner
Casey Stoner (getty images)

Negli ultimi giorni ha fatto tanto discutere la scelta della Repsol Honda di sostituire Dani Pedrosa con Hiroshi Aoyama anzichè con il due volte campione iridato Casey Stoner che, aldilà di ogni aspettativa, si era detto onorato di poter salire in sella alla RC213V in Texas e Argentina. Una decisione impopolare, visto che in tanti sognano di rivedere il pilota australiano in una gara di MotoGP, ma frutto di una calibrata strategia tecnica e atletica.

A chiarire le voci di questi giorni ancora una volta ci ha pensato il team principal della HRC Livio Suppo, interrogato da MotoMatters.com: “Abbiamo parlato della possibilità per Casey di sostituire Dani,” ha ammesso Suppo. Ma Casey Stoner avrebbe dovuto affrontare grandi sfide per sostituire Pedrosa nei prossimi due turni MotoGP. L’australiano non ha mai corso nè ad Austin nè a Termas de Rio Hondo, essendo due tracciati che sono stati aggiunti al calendario MotoGP dopo il suo ritiro. Ha effettuato solo dei test limitati nel 2015, dopo aver girato tre giorni con la Honda RC213V in vista della prima prova di Sepang, mentre il resto dei piloti della classe regina hanno avuto otto giorni di full test più il primo round di gara in Qatar”.

Molto probabilmente l’ex pilota Ducati e Honda non avrebbe ben figurato e la sua presenza avrebbe richiesto una preparazione molto più accurata: “Nel complesso crediamo che un ritorno di Stoner in MotoGP si dovrebbe preparare nel modo giusto, perché le aspettative sarebbero enormi. Ci dispiace per i fans, a cui sarebbe sicuramente piaciuto vedere Casey di nuovo in pista, tutto sommato pensiamo che questa sia la scelta giusta”.