MotoGP, Dani Pedrosa dopo l’intervento: “Vediamo se il recupero sarà lento o veloce”

Dani Pedrosa
Dani Pedrosa (getty images)

Dani Pedrosa è stato operato con successo a Madrid dal noto chirurgo ortopedico Angelo Villamor per risolvere il problema all’avambraccio destro, afflitto da sindrome compartimentale. Dopo due ore di intervento con anestesia locale il pilota spagnolo dovrà ora sottoporsi a un periodo di riabilitazione che richiederà almeno quattro settimane, ma l’operazione è stata conclusa con successo.

L’intervento è andato molto bene… E’ stata un’operazione molto precisa, perché la membrana era piuttosto rigida e aveva diverse cicatrici che hanno complicato un po’ le cose. Ma lui è a conoscenza di tutto e soddisfatto dell’operazione”, ha spiegato il chirurgo come riportato da AS.

24 ore dopo l’intervento Dani Pedrosa è stato sottoposto ad una visita medica per un controllo all’avambraccio, ma è sembrato di buon umore e ottimista circa il recupero: “Ho trascorso una buona notte e sono contento che sia già passato. Ora vado avanti. Facciamo alcune visite e vediamo come progrediamo, e vedere se i progressi saranno veloci o lenti”, ha detto il pilota Honda al sito Motocuatro.com.

In Texas e in Argentina sulla sua RC213V salirà il collaudatore Hiroshi Aoyama, ma per la gara di Jerez in programma dall’1 aprile non vorrà mancare. La HRC ha preferito farlo sostituire dal pilota giapponese anzichè da Casey Stoner, che aveva detto il suo assenso a scendere in pista per le due gare, ma il team iridato ha preferito Aoyama, forse per non creare dannosi protagonismi all’interno dei box con Marc Marquez, che ha concluso in quinta posizione il primo Gran Premio del Qatar. Un inizio stagione in salita per il campione di Cervera e per la Honda…