Kevin Schwantz: “Casey Stoner potrebbe tornare nella MotoGP”

Casey Stoner
Casey Stoner (Getty Images)

Dopo l’intervento chirurgico di Dani Pedrosa in molti speravano di rivedere in pista Casey Stoner che, come ammesso sul suo profilo Twitter, sarebbe stato onorato di sostituirlo in Texas e in Argentina. Ma Honda Racing Corporation ha ritenuto inopportuno schierare l’australiano al fianco di Marc Marquez, ritenendo più saggio optare per il collaudatore nipponico Hiroshi Aoyama.

Ma tutti i nostalgici che vorranno rivedere Casey Stoner in pista potranno essere accontentati il prossimo 26 luglio, quando il due volte campione iridato parteciperà alla 8 Ore di Suzuka, una gara sui generis che due anni fa ha visto il ritorno sui circuiti di Kevin Schwantz che ottenne persino un podio e lo spinse a ripresentarsi anche nella edizione seguente.

L’ex campione statunitense in questi giorni ha affermato che Stoner, dopo la partecipazione alla 8 Ore di Suzuka, potrebbe persino ripensare ad un ritorno in MotoGP. “Suzuka è un buon posto per ricominciare ad andare in moto, soprattutto se si vuole tornare a gareggiare – ha detto Kevin in un’intervista a Bikesocial -. Penso che se Casey farà tre o quattro turni potrebbe poi essere pronto a salire su una MotoGP di nuovo”.

Il richiamo del mondo delle corse potrebbe spingerlo ad abbandonare la sua vita di casa, caccia e pesca per riportarlo a misurarsi su una due ruote: “Tre o quattro ore in sella in condizioni di gara lo aiuteranno a sintonizzarsi con le condizioni di gara. Non dico che lo riporteranno alle condizioni di prima – ha concluso Kevin Schwantz -, ma certo lo avvicineranno di più piuttosto che stare seduto su un divano”.