Dani Pedrosa operato a Madrid. Il dottor Villamor: “Intervento complicato e aggressivo”

Dani Pedrosa
Dani Pedrosa (Getty Images)

Dani Pedrosa è stato sottoposto stamane ad intervento chirurgico per cercare di risolvere il problema della sindorme compartimentale all’avambraccio destro, che ha dato non pochi problemi al pilota della Repsol Honda durante il primo week-end di gara a Losail. L’operazione, consistente nell’asportazione della guaina del muscolo, è stata eseguita a Madrid dal dottor Angelo Villamor ed è durata quasi due ore.

Ora Dani Pedrosa avrà bisogno di almeno un mese per recuperare, anche se il ritorno alle gare sarà reso ufficiale solo dopo che il chirurgo avrà confermato il successo dell’intervento. Nella stessa giornata il rider spagnolo sarà dimesso dall’ospedale e dovrà intraprendere un apposito periodo di riabilitazione.
“L’intervento è stato complicato e aggressivo, sono state usate tecniche di microchirurgia – ha spiegato il dottor Villamor, come riportato sul sito HRC -. E’ durato due ore ed è stato sottoposto ad anestesia locale. Abbiamo esaminato la guaina muscolare che era ipertrofica e andava aperta e liberata. La fascia muscolare è stata dissezionata e rimossa dall’avambraccio. La crescita del volume del muscolo all’interno della fascia inelastica portava a una crescita della pressione nella sede, causando dolore per deprivazione di ossigeno, lo stesso che sentiva all’avambraccio quando guidava. Ora terremo sotto controllo Dani nelle prossime settimane per valutare il successo di questa operazione”.