F1, Sebastian Vettel: “Ferrari, grazie per la bella macchina. Vincere qui è speciale”

Sebastian Vettel con la squadra (Getty Images)
Sebastian Vettel con la squadra (Getty Images)

Fin dai suoi primi approcci con la Ferrari, Sebastian Vettel è entrato subito in sintonia con la squadra come se ne facesse parte da tempo. In molti vedono in lui l’erede di Michael Schumacher e la vittoria di Sepang è stato un premio al lavoro svolto da tutto il team nel corso dell’inverno.

Il pilota tedesco nel suo team radio immediatamente dopo aver tagliato il traguardo ha mostrato una gioia incredibile per il risultato ottenuto e non ha dimenticato di ringraziare la Ferrari. Ma Sebastian Vettel non si è limitato a questo.

 

Sebastian Vettel ringrazia la Ferrari a Maranello

Questa mattina il quattro volte campione del mondo si è presentato a Maranello per lavorare al simulatore ed ha incontrato tutti i dipendenti della Gestione Sportiva riuniti per celebrare la vittoria ottenuta nel Gran Premio della Malesia. Gli ha rivolto delle parole importanti, in italiano, per ringraziarli nuovamente: “E’ stata un’emozione grandissima – riporta il sito ufficiale della Ferrari – Ho vinto tante gare, ma la prima con la Ferrari è molto, molto speciale. Domenica notte ho voluto festeggiare coi meccanici e ho detto loro: grazie mille, ma io voglio essere uno di voi. Né più né meno. Io sono parte della squadra e anche se in pista sono da solo, so che in realtà non lo sono mai. Perché sono sempre con voi. Vi voglio ringraziare per avermi dato una bella macchina e penso, anzi so, che vivremo ancora grandi momenti assieme”.

Sebastian Vettel si dimostra un grande uomo squadra e sicuramente ciò spinge la squadra a lavorare al meglio e in un clima molto sereno. Un ambiente rinato, soprattutto per merito del nuovo team principal Maurizio Arrivabene che nell’occasione ha dichiarato: “Credo che in quel ‘forza Ferrari!’ detto da Seb alla radio subito dopo il traguardo ci fossero i suoi sogni di bambino, i momenti che ha passato con un altro grande che ci ha fatto vincere tanto, Michael, e che soprattutto ci fosse la gioia di essere qui con tutti voi. Voi siete qui da tanto tempo e ve lo meritavate”.

La scuderia di Maranello è molto coesa in questo momento e l’obiettivo è proseguire sulla scia di quanto fatto in queste prime gare del Mondiale 2015 di Formula1, in particolare a Sepang, per riuscire a sconfiggere la Mercedes costantemente e ambire a poter vincere sia il titolo costruttori (manca dal 2008) che quello piloti (dal 2007 con Kimi Raikkonen).