F1, Nico Rosberg: “La Ferrari e Sebastian Vettel mi hanno spaventato”

Sebastian Vettel e Nico Rosberg a Sepang
Sebastian Vettel e Nico Rosberg a Sepang (getty images)

Quando tutti si aspettavano un altro Mondiale di Formula 1 dominato in lungo e in largo dalle Mercedes ecco arrivare la vittoria della Ferrari di Sebastian Vettel, inattesa quanto straordinaria, frutto di un’ottimale strategia di squadra e segno di un grande passo avanti nello sviluppo della monoposto.

Ovviamente si tratta di una singola vittoria, le Mercedes restano le grandi favorite per la conquista del titolo iridato, ma il trionfo del Cavallino inizia a far preoccupare la scuderia tedesca e Nico Rosberg che, nella sua rubrica per il quotidiano ‘Bild‘, ha manifestato tutti i suoi dubbi e timori in seguito al GP di Sepang, concluso in terza posizione, senza mai riuscire ad impensierire il ferrarista e il compagno di team Lewis Hamilton.

 

Il tedesco della Mercedes lancia l’allarme

“Dopo la nostra doppietta in Australia durante la conferenza stampa avevo detto di desiderare, per uno spettacolo migliore, che la Ferrari fosse più vicina a noi. Ma certamente non volevo perdere contro di loro”, ha ammesso Rosberg. “In realtà non mi aspettavo un successo da Sebastian e dalla Ferrari. Ora abbiamo bisogno di sederci come una vera squadra e vedere cosa sta succedendo”.

L’ingresso della safety car e il cambio gomme repentino delle due monoposto W06 hanno condizionato l’esito del Gran Premio, ma aldilà della strategia la vettura del Cavallino ha dimostrato di poter gestire meglio l’usura delle gomme alle alte temperature. “La Ferrari ha meglio gestito il calore con le gomme. E questo mi ha spaventato. Sebastian ha veramente fatto bene, complimenti da parte nostra!”. Nico Rosberg non può che ammettere i progressi della Rossa di Maranello: “Il motore Ferrari è davvero migliore su rettilineo rispetto allo scorso anno”.

Per il pilota Mercedes vice campione del mondo non resta che studiare i dati raccolti in gara e trovare le soluzioni per fare meglio nella prossima gara in Cina fra due settimane: “In Malesia non siamo stati perfetti e in Cina vogliamo fare meglio. Soprattutto voglio capire perché abbiamo avuto così tanti problemi con le gomme… Ma cari fan, una cosa che posso promettere è che la sconfitta contro la Ferrari è stato un campanello d’allarme per noi. Siamo decisamente pronti per il duello con la Ferrari”.