MotoGP Qatar, Andrea Iannone: “E’ il mio primo podio in classe regina, grazie Ducati!”

Andrea Iannone sul podio del Qatar
Andrea Iannone (getty images)

Le buone previsioni intraviste nei test invernali hanno trovato piena conferma nella prima gara stagionale sul circuito di Losail. Le nuove Ducati GP15 progettate da Luigi Dall’Igna sono salite entrambe sul podio, sfiorando la vittoria con Andrea Dovizioso che alla fine ha dovuto cedere a Valentino Rossi e con Andrea Iannone che fino all’ultimo è riuscito a mettersi alle spalle la Yamaha Jorge Lorenzo.

Il pilota forlivese era scattato dalla pole, il che lasciava presagire una posizione sul podio quasi certa, ma fino all’ultimo giro la casa di Borgo Panigale ha sperato nel trionfo in Qatar.

“Questo è davvero un risultato speciale per la Ducati e per me, dopo tutto quello che abbiamo sofferto negli ultimi anni, e premia il lavoro che abbiamo fatto insieme per arrivare a questo punto – ha affermato Dovizioso sul sito ufficiale della Ducati -. Non mi sarei mai aspettato di essere così competitivo già alla prima gara, e il risultato di oggi è veramente straordinario. Voglio ringraziare tutti gli ingegneri e le persone che a Bologna hanno reso possibile preparare la moto in tempo per i test di Sepang 2, i meccanici che hanno lavorato tante ore durante questo weekend e tutti i ragazzi di Ducati Corse per l’impegno che hanno messo in questo progetto”.

Week-end da incorniciare anche per Andrea Iannone che ha conquistato il primo podio in carriera nella MotoGP, sebbene negli ultimi giri abbia rischiato qualcosa per mancanza di grip: “Sono molto contento di questo risultato: è il mio primo podio in MotoGP ed è veramente incredibile avercela fatta al mio esordio in gara come pilota ufficiale Ducati – ha dichiarato il pilota abruzzese -. Dovi ed io siamo arrivati secondi e terzi con le nuove GP15, e non mi aspettavo di essere già così competitivo alla prima gara, per cui è davvero una sensazione fantastica… Grazie a tutta la Ducati, a Gigi Dall’Igna, a Claudio Domenicali e a tutte le persone che lavorano con me”.