F1, Sebastian Vettel: “Grazie Ferrari, questa giornata è speciale”

Sebastian Vettel (Getty Images)
Sebastian Vettel (Getty Images)

Sebastian Vettel è l’indiscusso protagonista del Gran Premio di Malesia, secondo appuntamento del Mondiale 2015 di Formula1. Sul circuito di Sepang il pilota tedesco ha riportato la Ferrari alla vittoria grazie ad una strategia perfetta e ad una sapiente gestione della monoposto e, soprattutto, delle gomme.

Al team di Maranello la vittoria mancava da tanto tempo e, dopo il 3° posto di Melbourne e questo successo, si può tornare a sognare. Anche se il team principal Maurizio Arrivabene predica la calma.

Ma Sebastian Vettel non può che sprigionare tutta la propria felicità e soddisfazione per la sua prima vittoria in rosso e sul podio si è così espresso: “Non ho parole. Ci sono stati grandi cambiamenti durante l’inverno e qui mi hanno accolto alla grande. Ho fatto solo due gare, ma l’atmosfera è strepitosa e sono felicissimo. Sono orgoglioso della squadra. La macchina è andata bene, è tutto bellissimo. Sono davvero emozionato. E’ una giornata speciale che porterò sempre con me. Grazie a tutta la squadra e ai fans”.

In conferenza stampa il quattro volte campione del mondo con la Red Bull ha espresso nuovamente la sua contentezza: “E’ una giornata fenomenale, è incredibile. E’ bello vedere i ragazzi della squadra che festeggiano. Ricordo le vittorie di Michael Schumacher e di Fernando Alonso. L’anno scorso è stato duro e questa è la prima vittoria da più di un anno ormai. Mi mancava davvero. La macchina mi aiuta più di quanto facesse lo scorso anno. La strategia oggi è stata eccezionale, ringrazio i ragazzi. Siamo riusciti a gestire bene anche gli pneumatici. Non dovrei dirlo, ma negli ultimi giri ho perso un po’ il controllo perché mi rendevo conto che stavo per andare a vincere. Grande sollievo nel passare la bandiera a scacchi e festeggiare con i ragazzi. Un grazie a meccanici, ingegneri e tutta la squadra di Maranello. Abbiamo fatto dei passi avanti enormi e ciò ci ha portati alla vittoria”. Sebastian Vettel è al settimo cielo e ora si spera che la Ferrari reciti davvero il ruolo da antagonista rivale della Mercedes, che resta la monoposto da battere.