MotoGP Qatar, Valentino Rossi: “Il mio obiettivo è la seconda fila”

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

 

Le Prove Libere di giovedì () e ieri ( e ) sul circuito di Losail in vista della prima gara della stagione MotoGP 2015 non hanno certo visto Valentino Rossi dare il meglio di sé. Ma il Dottore insegna che proprio in questi casi un vero sportivo è chiamato a tenere duro e dare il meglio di sé. “Nulla è perduto”, dice il Campione di Tavullia, preparandosi alle sfide che lo attendono oggi e – soprattutto – domani…

 

Verso la gara di domenica

Quando il gioco si fa duro, Valentino Rossi sfodera (anche) l’arma dell’ironia. “E’ fantastico – dice con un sorriso dal circuito del Qatar, come riportano i colleghi di Speedweek – . Sono il pilota più veloce nella categoria over 35… Potrei aver vinto un pannolino per adulti…”.

Pazienza se il circuito del Qatar è sempre stata un’isola felice per la Yamaha (Jorge Lorenzo, i lettori di Tuttomotoriweb lo ricorderanno, qui ha vinto ben tre volte). Valentino sa che ci sono ancora la quarta sessione di Prove Libere e le Qualifiche, dunque le carte in tavola possono ancora cambiare, anche se – parole sue – lo attende un impegno “stressante”.

“Le Qualifiche saranno un inferno – prevede Rossi – . Ogni decimo di secondo sarà preziosissimo e farà una grande differenza”. Ma anche la scelta delle gomme “porterà a diverse strategie” e “sarà difficile capire appieno e valutare la situazione”.

La corsa che “conta” sarà in ogni caso quella di domenica. E “in gara, la situazione non sarà così minacciosa come nelle sessioni di prove libere”, assicura Valentino. Quanto ai rivali con cui dovrà misurarsi, “Marc [Marquez] sembra essere il più forte in termini di costanza dei tempi… Ma noi non siamo lontani”. E “[Andrea] Dovizioso corre con i miei stessi tempi di gara”.

“Certo – riconosce poi il Dottore – , se resto nono anche in qualifica dovrei recedere in terza fila, il che non sarebbe il massimo. Il mio obiettivo minimo è la seconda fila. Saremo molto vicini, ma non tutto è perduto. Inoltre, questa è una pista in cui è possibile sorpassare più facilmente che in altri circuiti”.

A buon intenditor…