F1 Sepang Day1, Lewis Hamilton: “Ferrari sempre più vicina”. Nico Rosberg: “Siamo i più veloci”

Lewis Hamilton
Lewis Hamilton (Getty Images)

Lewis Hamilton nella prima sessione di prove libere si è dovuto fermare dopo mezz’ora per un problema al motore della sua Mercedes, ma nella sessione pomeridiana si è subito riportato in testa alla classifica. Il suo compagno di squadra Nico Rosberg, invece, ha chiuso al vertice nelle Prove Libere 1, per poi doversi accontentare della terza piazza al pomeriggio.

La scuderia tedesca continua a detenere il primato, ma le Ferrari sembrano poter insidiare la zona podio, con Kimi Raikkonen che in questa prima giornata ha girato su tempi davvero eccellenti, mentre Sebastian Vettel ha dovuto fare i conti con un testacoda nelle PL2.

Sul circuito di Sepang le monoposto del Circus hanno dovuto fare i conti con qualche problema di grip, ma è pur vero che si tratta di prove libere e che in gara le Mercedes possono distanziare gli avversari giro dopo giro… “Un problema di affidabilità sull’altra macchina che ha avuto anche un effetto su di me perché siamo uguali da quel punto di vista e ho fatto meno giri, ma la macchina va bene – ha dichiarato Nico Rosberg al termine del day1, come riportato da AdnKronos -. Manca un po’ di posteriore, scivola tantissimo, ma a parte quello va tutto bene”.

Il pilota tedesco nelle Prove Libere 2 si è dovuto accontentare del terzo posto, alle spalle della Ferrari SF15-T di Raikkonen: “Nel passo gara Ferrari più vicina? Si, sembra che oggi la Ferrari sia abbastanza vicina, ma siamo ancora i più veloci. Qualifiche? È sempre molto importante, e devo far bene anche io per battere Lewis”.

Il Gran Premio della Malesia era iniziato in salita per il campione iridato Lewis Hamilton, ma i meccanici della Mercedes hanno subito risolto il problema riscontrato al mattino sostituendo il motore della W06 Hybrid: “Il problema con il motore è risolto, la squadra ha lavorato benissimo, siamo riusciti a risolvere tutto e a uscire di nuovo, sono felice di aver fatto quel bel giro perché il tracciato non è facile e abbiamo girato poco. Ferrari più vicina qui rispetto all’Australia? Sembra proprio di si – ha concluso il pilota inglese – ma vediamo domani però”.