Formula1, Fernando Alonso: “L’incidente non è stato causato dal vento”

Fernando Alonso
Fernando Alonso (getty images)

E’ trascorso poco più di un mese dall’incidente rimediato nei test invernali al Montmelò e finalmente Fernando Alonso può presentarsi in conferenza stampa alla vigilia del Gran Premio di Sepang (Malesia), dove domani scenderà in pista per le prove libere. Il neo pilota della McLaren ha parlato dinanzi ai giornalisti di quanto accaduto lo scorso 22 febbraio sul circuito catalano, quando la sua monoposto si è schiantata contro un muro per cause ce, forse, non saranno mai accertate.

Il driver spagnolo ha escluso che l’incidente possa essere stato causato dal vento (“neanche un uragano avrebbe spostato la macchina a quella velocità”) e lascia intendere che sia stato un problema meccanico a far sbandare la McLaren. “L’incidente? Credo sia chiaro che c’è stato un problema alla macchina, però non lo riusciamo a riscontrare sui dati. Quello che abbiamo fatto con gli ingegneri in settimana è stato verificare tutti i dati disponibili – ha spiegato Fernando Alonso, come riportato da AdnKronos -. Sono totalmente d’accordo con la squadra, ora è impossibile dire cosa è successo, sarebbe una menzogna farlo. Prima o poi forse troveremo qualcosa, non lo so, se non ci siamo riusciti in tutto questo tempo”.

Il pilota McLaren-Honda ha smentito alcune voci diffuse dai media durante il suo periodo di riabilitazione: “È stato tutto normale, non mi sono svegliato pensando di essere nel ’95 o parlando italiano, o cose del genere. Ricordo l’incidente, e ricordo le cose del giorno successivo”, ha sottolineato Alonso che ripercorre le tappe di quanto successo dopo aver lasciato il Montmelò accompagnato dai soccorritori: “Con quel trauma sono stato ospitalizzato ma le condizioni erano buone. C’è un lasso di tempo di cui non ho ricordi, più o meno dalle 2 alle 6 – prosegue il pilota di Oviedo -. I medicinali hanno funzionato e non ci sono stati problemi. I medicinali li ho ricevuti già in elicottero e poi in ospedale. Credo di aver perso coscienza in ambulanza o forse già in clinica ma i medici mi hanno detto che è normale per i farmaci che mi sono stati dati”.

Resta e resterà quindi un mistero il vero motivo dell’incidente rimediato nei test in terra catalana, ma adesso il pilota ex Ferrari ha intenzione di mettersi alle spalle quel brutto evento e concentrarsi sul Mondiale di Formula 1, a partire dal prossimo Gran Premio di Sepang che domani prenderà il via con le prime due sessioni di prove libere.

“Non siamo nella posizione che volevamo – ha proseguito Fernando Alonso -. Sarà una sorta di sessione di test, non ho grande dimestichezza con l’auto, dovrò imparare ancora molto”. Ma nessun rimpianto per aver lasciato la Scuderia Ferrari: dopo cinque anni senza successi era giunta l’ora di prendere una scelta coraggiosa e cambiare aria…