Alfa Romeo torna in pista con la Giulietta TCR della Scuderia Giudici

(Getty Images)
(Getty Images)

 

E se il rilancio del marchio Alfa Romeo passasse per un ritorno a sorpresa nel mondo delle corse? Nelle ultime ore i rumors circolati con sempre più insistenza tra gli addetti ai lavori hanno avuto una prima conferma ufficiale. E gli “alfisti” già sognano una nuova pagina di gloria per lo storico brand italiano…

 

L’ingresso nel campionato Endurance

Il grande Gianni Giudici ha appena annunciato l’ingresso nel Campionato Italiano Turismo Endurance con una Giulietta 1.750 turbo secondo i dettami TCR.  “L’amore per l’Alfa Romeo è qualcosa che non si può spiegare – ha dichiarato il gentleman driver milanese, come riporta Aci Sport – , qualsiasi appassionato vorrebbe vederla sempre impegnata nelle corse. È da questa stessa passione che nasce l’idea di preparare la Giulietta Quadrifoglio Verde per schierarla in pista”.

“Ho avuto due macchine dall’Alfa Romeo senza documenti e senza targa per un loro impiego agonistico – ha aggiunto – , ma non c’è alcun supporto della Casa. L’Alfa Romeo non mi riconosce nessuna patente di ufficialità. Il progetto è solo nostro ed è curato dalla Giannetti di Torino. Forse l’unico aiuto di cui abbiamo bisogno è per l’elettronica. La centralina deve restare di serie, ma se tolgo uno specchietto e va in blocco devo sapere come poter intervenire. Il primo programma è quello nella serie tedesca VLN. Doveva partire proprio questo weekend, ma c’è neve e ghiaccio sulla pista del Nürburgring e quindi sarà rinviato”.

L’obiettivo è però di riportare il marchio del Quadrifoglio Verde in pista anche in Italia. “Sulla scena nazionale il Campionato Italiano Turismo Endurance è la sua sede naturale, non c’è dubbio – ha sottolineato Guidici -. Accanto alla Giulietta per il VLN stiamo infatti terminando l’altra in configurazione TCR per poterla schierare nella Divisione Super Production. Credo possa essere competitiva, anche se il motore è 1.750. La potenza che riusciremo a tirare fuori potremo metterla a frutto su una vettura che telaisticamente sarà curatissima”. “Non ho paura degli avversari che sono già presenti – ha poi assicurato – . E neanche di quelli che pare vogliano schierarsi proprio con un’altra Alfa Romeo. Il mio messaggio deve essere chiaro: sarò il maschio Alfa sulla Giulietta”.

Giudici ha poi concluso anticipando che “nella mia squadra posso scegliere tra due fuoriclasse come Nicola Larini e Alessandro Nannini che come me sono straordinariamente legati all’Alfa Romeo e fanno parte della sua storia. A loro vorrei affiancare un giovane, come mio figlio Claudio. E comunque ci sarei anch’io”.

 

Il progetto della nuova F2

Com’è noto, la FIA (Federazione internazionale dell’Automobile) sta valutando l’organizzazione di un nuovo campionato FIA F2 che dovrebbe riempire il vuoto tra la Formula 1 e l’attuale Formula 3. Il progetto sarà affidato alla commissione monoposto della FIA presieduta da Stefano Domenicali, e il marchio Alfa Romeo potrebbe assumere un ruolo di primo piano nel futuro campionato monomarca.

Secondo le indiscrezioni circolate nelle ultime ore, le monoposto della nuova F2 potrebbero nascere in Italia e Ferrari sarebbe interessata a realizzare i motori alla base del progetto (probabilmente dei V6 turbo senza alcuna parte ibrida), mentre le monoposto del campionato potrebbero presentare il marchio Alfa Romeo. Per lo storico brand italiano si tratterebbe di un primo passo importante che, in futuro, potrebbe rappresentare il preludio verso un rinnovato impegno in un settore che tanto profondamente ha segnato la sua storia.

D’altra parte, l’amministratore delegato di FCA, Sergio Marchionne, ha già annunciato in più occasioni l’interesse a rilanciare l’immagine dell’Alfa Romeo in tutti i settori del mondo delle quattro ruote – e quello delle corse rappresenta le vetrina più adatta. Vale poi la pena di ricordare che il marchio Alfa Romeo è stato collocato sulla carrozzeria della nuova monoposto che Ferrari porta in pista nel campionato 2015 di Formula 1. Insomma, decisamente un buon inizio…