Moto3, Enea Bastianini: “Devo conoscere meglio la moto”. Andrea Locatelli: “Test Jerez inutile”

foto Facebook
foto Facebook

La pioggia ha rallentato i lavori nel corso dei tre giorni di test IRTA a Jerez de la Frontera, ad una settimana dall’inizio del Motomondiale 2015, ma il Gresini Racing Team Moto3 ha portato a termine, seppur in modo parziale, l’ultima sessione di test invernali ed è pronto a sbarcare in Qatar per la prima tappa stagionale.

Enea Bastianini ha fermato il cronometro a 1’49″277 nel day 2 chiudendo in sesta posizione nella classifica combinata dei test ufficiali: “Siamo stati veramente molto sfortunati! In questo ultimo test avremmo voluto continuare a provare diverse cose sulla moto, ma il meteo non ce lo ha permesso: ho potuto percorrere soltanto qualche giro, un po’ sull’asciutto e un po’ con l’asfalto umido – ha detto Enea Bastianini in una nota ufficiale -. Di fatto, devo ancora conoscere a fondo la moto perché durante l’inverno ho fatto pochi chilometri. Ciò significa che saremo costretti a portare avanti le nostre prove direttamente in Qatar nel weekend del Gran Premio, ma non sarà certo questo a fermarci!”.

Il suo compagno di squadra Andrea Locatelli ha invece conquistato il 15° miglior tempo in 1’50”048: “Purtroppo in questi ultimi tre giorni di test abbiamo incontrato condizioni molto strane: ha piovuto quasi sempre e anche il poco tempo a disposizione con pista asciutta è stato poco significativo, con tempi sul giro che sono rimasti alti. Questa trasferta si è rivelata perciò praticamente inutile – ha confessato Locatelli -: è un peccato perché non siamo riusciti a lavorare sulla moto e di fatto la situazione è rimasta ferma ai test di Jerez 1 effettuati un mese fa. Adesso aspettiamo di arrivare in Qatar e iniziare le prime prove libere, ma sappiamo già che ci sarà ancora da lavorare per capire meglio la moto”.