Assicurazione auto: quando la polizza “furto” non copre i danni

La Corte di Cassazione (Getty Images)
La Corte di Cassazione (Getty Images)

 

Sottoscrivere una polizza assicurativa auto che copre solo in caso di furto e non di atti vandalici potrebbe essere molto rischioso. Nel caso in cui la vettura rubata da un malintenzionato venga poi abbandonata dallo stesso a poca distanza dal luogo in cui prima sostava, infatti, sarà difficile ottenere un risarcimento, in quanto la polizza “furto” copre solo ed esclusivamente i danni collegabili alla circolazione successiva al furto stesso.

A stabilirlo è la Cassazione con la sentenza n. 5192/2015 del 17.03.2015, relativa al caso di un veicolo prima scomparso e poi rinvenuto a poca distanza dal luogo del furto privo di numerose parti e gravemente danneggiato. Nella fattispecie, i giudici della Suprema Corte hanno ritenuto prevalente l’ipotesi del danneggiamento – non prevista nel contratto -, e insussistente, invece, quella della sottrazione del veicolo.

Secondo i giudici, infatti, il danno provocato dal furto (e collegato alla stessa circolazione successiva alla sottrazione del mezzo) è cosa ben diversa da quello dovuto ad atti vandalici, per i quali è necessaria una copertura assicurativa apposita. La polizza stipulata solo per il primo evento, dunque, non copre anche il secondo.

 

La differenza tra “atti vandalici” e danni da circolazione

La Cassazione ha dunque sancito una ben chiara distinzione tra i danni procurati da atti vandalici e quelli relativi alla circolazione successiva al furto, stabilendo inoltre che spetta al cliente dell’assicurazione dimostrare che il danno procurato al mezzo sia dipeso dal furto e dalla conseguente circolazione del mezzo (per esempio un tamponamento, una fiancata strisciata contro il guard rail, e così via) e non da un atteggiamento volutamente distruttivo del colpevole (come nel caso dei colpi d’ascia contro la carrozzeria o di segni evidenti di una pietra scagliata contro le portiere o i vetri).

Come sempre, un piccolo dettaglio fa una grande differenza…