MotoGP, Massimo Meregalli: “Ducati ha fatto un grande lavoro”. Livio Suppo: “La GP15 va forte”

Andrea Dovizioso in Qatar
Andrea Dovizioso in Qatar (getty images)

La sessione di test in Qatar ha messo in evidenza il salto di qualità compiuto dalla Ducati con l’arrivo su pista della nuova Desmosedici GP15 progettata da Luigi Dall’Igna. La scuderia italiana ha conquistato il miglior crono in entrambe le giornate di test collettivi a poco più di una settimana dall’inizio del Mondiale di MotoGP, facendo accendere un campanello d’allarme nei box Honda e Yamaha.

In alcune dichiarazioni rilasciate al sito Motogp.com Massimo Meregalli, Direttore Sportivo del team Movistar Yamaha, ha preannunciato la presenza delle Ducati nelle zone alte di classifica sin dal primo Gran Premio del Qatar: “Mi hanno sorpreso perché sono stati non solo veloci, ma anche costanti; hanno fatto davvero un gran lavoro”. Jorge Lorenzo e Valentino Rossi si vedono costretti ad inseguire non solo la RC213V di Marc Marquez ma adesso anche le GP15 di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, sebbene il distacco sia di pochi decimi.

Ma la competitività della casa di Borgo Panigale potrebbe far lievitare lo spettacolo in pista e regalare grandi emozioni in ogni week-end: “Abbiamo visto 14 piloti separati da meno di 1”, in termini di spettacolo questo assicura un campionato sensazionale”.

Anche Livio Suppo, Team Principal di Repsol Honda, si complimenta con la Ducati e crede che presto anche la Suzuki potrà dire la sua al vertice: “La GP15 sembra girare davvero forte”, ma “la Suzuki sta continuando a crescere, approfittando delle concessioni del regolamento che le assicurano alcuni vantaggi”.

E mentre Marc Marquez sembra non preoccuparsi troppo delle nuove Ducati, Jorge Lorenzo e Valentino Rossi hanno ammesso una certa preoccupazione: “La Ducati è la sorpresa di questi test, direi che sono i più veloci insieme a Marquez, forse un pelo di più. Dovi e Iannone stanno guidando bene. Poi ci siamo io, Lorenzo e Pedrosa, non troppo lontani”.