Nuova Volkswagen Polo, addio versione 3 porte. Anche la Golf solo a 5 porte?

Volkswagen Polo (Fonte Getty)
Volkswagen Polo (Getty Images)

Anche per la Volkswagen è arrivato il momento di ridurre le spese. La notizia è stata data in occasione del resoconto annuale dato dai vertici del marchio. In effetti già dallo scorso luglio è stato varato un progetto con l’intento di tagliare i costi di produzione, limitando le varianti dei modelli più richiesti dal mercato dell’auto, con l’obiettivo di risparmiare cinque miliardi di euro.

Volkswagen Polo: addio tre porte

E proprio il presidente della Volkswagen, Martin Winterkorn, ha confermato il taglio di alcuni modelli che sono in controtendenza in Europa, come le versioni a 3 porte, che non incontrano più il consenso positivo di un tempo.

Purtroppo una delle auto che ne farà le spese sarà la nuova Volkswagen Polo, che probabilmente verrà costruita soltanto in versione 5 porte, che tra l’altro è la tendenza del momento: in effetti molte case automobilistiche hanno attuato questa filosofia che di fatto porta più margini di guadagno e riduce i costi.

Per la Volkswagen Polo è una possibilità molto concreta, continua Winterkorn, visto la forte flessione di vendite delle utilitarie con variante a 3 porte, sovrastate dalle 5 porte, per la loro maggiore accessibilità e praticità di utilizzo, e nonostante utilizzino la piattaforma MQB, questo potrebbe accadere anche per la Golf 3 porte e la Beetle,

Il risparmio conseguente a questa scelta sarebbe di “centinaia di milioni”, dovuto sia al ciclo produttivo che al minor numero di componenti utilizzati, necessari a diversificare le 2 tipologie di vetture. Già entro la fine di quest’anno si vedranno i primi tagli con l’uscita di listino della Volkswagen Eos che porterà un risparmio superiore ad un miliardo di euro.